Quantcast

Nessun caso Lavezzi, De Laurentis rassicura i tifosi


Nessun caso Lavezzi, è lo stesso De Laurentis, sul sito ufficiale del Napoli,  a rassicurare i tifosi napoletani. “Lavezzi l’ho trovato in grande spolvero. L’ho salutato negli spogliatoi del San Paolo in occasione dell’amichevole con il Penarol e ho visto che era in forma smagliante. Non sono in linea di massima d’accordo che si alleni in Costa Smeralda, ma probabilmente il ragazzo ha bisogno di un periodo di tempo che deve rappresentare il giusto distacco tra gli impegni di Copa America e la nuova stagione del Napoli.”

In un primo momento, con la solita veemenza che lo contraddistingue, Aurelio de Laurentis aveva, praticamente, mandato a quel paese i collaboratori che lo avevano informato della decisione presa da Mazzarri, e lo stesso allenatore del Napoli si era poi trovato spiazzato in conferenza stampa, dal momento che non era a conoscenza della reazione del Presidente.

Ma, come al solito, grazie al buon senso e probabilmente anche in seguito ad uno scambio di opinioni tra lo stesso Mazzarri e De Laurentis, questi ha fatto buon viso a cattivo gioco e ha dato la sua benedizione al trasferimento del Pocho in Sardegna, anche se a malincuore, accompagnato dalla fidanzata e da un collaboratore tecnico di Mazzarri.

Il caso si è smontato ancor prima del nascere, si potrebbe dire, e del resto lo stesso De Laurentis non aveva nessun interesse a contribuire al nascere di una atmosfera poco idilliaca nello spogliatoio partenopeo. Spogliatoio che, fatta forse eccezione per le ultime giornate del campionato scorso, contraddistinte dalle incertezze di Mazzarri, sicuramente amplificate da una cassa di risonanza mediatica esagerata, è stato poi uno dei segreti del Napoli per raggiungere i risultati straordinari dello scorso anno.

Lavezzi”, continua De Laurentis, “ha solo bisogno di un periodo di pausa mentale che lo separi dalla competizione che lo ha visto impegnato a luglio in Sud America, competizione poi che glia riservato delle amare sorprese, come ben tutti sanno.”