Quantcast

Niccolò Bettarini aggredito all’esterno della discoteca, gli amici: “Erano degli animali”

Niccolò Bettarini è stato aggredito brutalmente da un branco di ragazzi domenica mattina intorno alle ore 5 all’esterno della discoteca Old Fashion di Milano. Gli amici del primogenito di Stefano Bettarini e Simona Ventura hanno riferito che erano degli animali.

Niccolò Bettarini – Foto: Facebook

Niccolò Bettarini è stato ferito con un punteruolo al tronco, all’addome e a una mano nei pressi di un chiosco notturno di panini e bibite. Dopo la violenta aggressione scatenata per motivi futili, Niccolò è stato soccorso in viale Alemagna e portato in codice rosso al Niguarda, dov’è stato operato. Fortunatamente non è in pericolo di vita.

Il Corriere della Sera ha rivelato: “Un maggiore della Guardia di Finanza si trovava all’Old Fashion e ha avuto un diverbio con un gruppo di ragazzi. Sabato sera si sono ritrovati al locale e il gruppetto di ragazzi si è avvicinato al militare iniziando la lite dandogli degli schiaffi. Niccolò Bettarini è intervenuto per sedare il litigio (conosceva di vista il giovane finanziere). Il buttafuori dell’Old Fashion ha fatto uscire tutti dalla discoteca – aggiunge il Corsera -, compreso Bettarini, e fuori, uno dei ragazzi ha estratto un punteruolo per minacciare il militare. Ad avere la peggio, però, è stato il figlio di Simona Ventura che non c’entrava nulla. Gli investigatori stanno raccogliendo le immagini delle telecamere”.

Niccolò Bettarini ferito: fermati 4 ragazzi tra i 23  e i 29 anni

Per la brutale aggressione nei confronti di Niccolò Bettarini sono stati fermati con l’accusa di tentato omicidio quattro ragazzi: due italiani di 24 e 29 anni e altrettanti albanesi di 23 e 29 anni. Alcuni di loro hanno precedenti penali. Un amico di Niccolò ha raccontato agli agenti della Squadra mobile e della Volante in questura a Milano: “Li ho riconosciuti, tre di loro sembravano drogati, hanno 30-40 anni, uno aveva gli occhi azzurri. Spero che in galera ci stiano anni. Si accanivano con Niccolò Bettarini, ne ho spinto via uno. Lui perdeva molto sangue. Erano degli animali”.