Quantcast

Nicola Zingaretti silura Matteo Renzi: “Ha perso credibilità, a tutte le elezioni il PD ha perso voti”

Nicola Zingaretti della Regione Lazio ha silurato l’ex presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi a SkyTg24. “Matteo non si vuole candidare – ha detto Zingaretti -, questa stagione ha un senso se si cimenta una nuova classe politica. Il problema è la credibilità, che è data dalla storia personale e da come ci si è comportati, premette rispondendo a una domanda sulla possibilità che l’ex-segretario del PD Matteo Renzi possa tornare a correre per il Nazareno”.

Matteo Renzi e Nicola Zingaretti – Foto: Leggo.it

L’ex segretario del PD Matteo Renzi ha perso credibilità? “Non lo dico io, ma i cittadini della Repubblica italiana. Al netto delle elezioni europee – ha aggiunto Zingaretti – tutte le elezioni hanno visto il PD perdere voti”.

Il senatore renziano Davide Faraone è passato al contrattacco: “Zingaretti la smetta di fare il sondaggista, il Pd ha bisogno di unità, accetti il consiglio: non serve a nessuno alimentare divisioni in questa fase precongressuale. Il governatore del Lazio in questi anni era parte della classe dirigente del Pd, non in viaggio su Marte, oggi non ha i titoli per giudicare la credibilità di Renzi. Basta con il fuoco amico”.

Parole ribadite dal senatore dem, Salvatore Margiotta, dispiaciuto dal fatto che il governatore del Lazio “lanci la sua candidatura attaccando Matteo Renzi. Trasformare la competizione in uno scontro tra tifoserie è esattamente quel che non serve oggi”.

Ancora più diretta la ‘pasionaria’ renziana Alessia Morani: “Il PD va in piazza e chiede unità. Zingaretti va in TV e attacca Renzi. Questo è il congresso che ci aspetta? Basta fuoco amico!”.