Quantcast

Paola Perego “Basta! Non sono una raccomandata”

Paola-Perego-e-Lucio-Presta

Dopo 11 anni di fidanzamento Paola Perego e Lucio Presta sono convolati a nozze, ma per la coppia non è stato tutto rose e fiori, in particolare per Paola Perego che, per aver sposato il manager dei vip e uno degli uomini più potenti in Italia, è stata accusata di essere una raccomandata. “Questo pregiudizio c’è sempre, ma non me ne può importare di meno” ha spiegato Paola Perego difendendosi dalle accuse.

“Purtroppo, quando qualcuno è in coppia, chi vuole attaccare uno finisce col prendersela con l’altro” ha spiegato la Perego “Come è successo a noi. Mi sta benissimo. Io sono felicissima e orgogliosa del mio matrimonio con Lucio. Se questo è il prezzo da pagare, lo pago più che volentieri. Per me al primo posto c’è la vita privata, poi viene quella professionale”

Stanca delle critiche la Perego ha poi aggiunto “Ormai non me ne frega niente. Faccio questo lavoro da trent’anni” ha detto difendendosi dall’accusa di aver avuto la conduzione di alcuni programmi per via del suo rapporto con Lucio Presta “Quando vado in video sono io che ci metto la faccia e nessun altro. Quindi, se i programmi vanno bene, vado bene io. Se, al contrario, non funzionano sempre io ci sono. Non c’è nessuna delle persone che mi stanno intorno o qualcuno della mia famiglia. La faccia è la mia, nel bene e nel male”

La conduttrice infine ha parlato del suo rapporto con i figli che secondo quanto ha sempre ricordato, non è mai stato particolarmente positivo in particolare con il figlio 16enne Riccardo “Un giorno mi ama e un giorno mi odia. Però questo rapporto mi diverte perché il suo carattere mi ricorda il mio. Anche io, alla sua età, mi comportavo così”