Quantcast

Parasite: il film premio Oscar è stato accusato di plagio

Parasite è stato il primo film non in lingua inglese ad aver fatto incette di statuette nella Notte degli Oscar, ma a distanza di qualche giorno deve affrontare un’accusa di plagio.

Parasite- foto pelisplus.co.in

Il film di Bong Joon-ho ha vinto nelle categorie Miglior film, Miglior regia, Migliore sceneggiatura e Miglior film straniero degli Oscar 2020, passando alla storia.

A pochi giorni di distanza, però, il produttore indiano P.L. Thenappan ha dichiarato a Times of India che la trama di Parasite è simile a quella di una sua commedia romantica del 1999, Minsara Kanna.

Il produttore indiano si dice pronto a procedere per vie legali contro il regista coreano: “Lunedì o martedì, presenterò questo caso con l’aiuto di un avvocato internazionale. Hanno preso la trama dal mio film. Quando loro scoprono che alcuni dei nostri film sono stati ispirati dai loro, partono le denunce. Allo stesso modo, è giusto che anche noi facciamo lo stesso”.

Parasite racconta la storia di povertà della famiglia Kim, costretta a vivere in un seminterrato e a mantenersi con la disoccupazione del capo famiglia. Tutto cambia quando il figlio diventa tutor privato dell’ereditiera della famiglia Park. Fingendo di non conoscersi, i Kim riusciranno a farsi assumere dai Park per sistemarsi definitivamente.

In cosa sarebbe uguale a Minsara Kanna? Nel film di P.L. Thenappan si parla di una giovane benestante che inizia a lavorare per una donna ricca e riesce a far assumere i suoi familiari uno alla volta per conquistare la sorella della padrona di casa.

Forse questa somiglianza non basterà per provare che Parasite sia plagio, ma l’accusa del regista indiano rischia di diventare un problema per la pellicola di Bong Joon-ho.