Quantcast

Pedro Alonso: biografia, La Casa di Carta, libro, figlia, fidanzata, Instagram e curiosità

La Casa di Carta ha coinvolto gli spettatori nel suo incredibile piano criminale e nelle relazioni tra i suoi protagonisti, tra i quali c’è Berlino. Ma quanto ne sappiamo del suo interprete Pedro Alonso?

Pedro Alonso- foto instagram.com

Pedro Alonso è l’esperto di furti di gioielli Berlino per tutti i fan de La Casa di Carta che lo hanno apprezzato per il suo carattere forte, narcisista e arrogante e il suo sangue freddo.

Le doti interpretative dell’attore sono riuscite a immergerci nel mondo privo di empatia del suo personaggio.

Ma quanto ne sappiamo di Pedro Alonso? Scopiamo tutto quello che c’è da sapere sull’interprete di Andrés de Fonollosa, alias Berlino.

Biografia

Pedro González Alonso è nato il 21 giugno 1971 a Vigo, una cittadina della costa nord occidentale spagnola in provincia di Pontevedra (Galizia) e lì è cresciuto appassionandosi alla recitazione.

Ha studiato teatro e arti drammatiche alla Real Escuela Superior de Arte Dramático e si è specializzato al Teatro de la Danza.

Il suo amore per il teatro lo hanno portato a lavorare con varie compagnie teatrali, tra le quali ci sono La Fura dels Baus e Teatro Clásico Nacional. Ne ha fondato addirittura una, la Grupo Dom.

Oltre all’amore per la recitazione e il teatro, Pedro Alonso ha coltivato la passione per la pittura cimentandosi cimentato in varie prove artistiche con lo pseudonimo di Pedro O’Choro (cognome della nonna paterna).

Carriera

A vent’anni recita nel cortometraggio Hábitos di Juan Flahn e l’anno successivo viene scelto come personaggio principale per il film Alma gitana di Chus Gutiérrez.

Da quel momento in poi, Pedro Alonso si è diviso tra cortometraggi, film per il cinema e la televisione e serie televisive.

Oltre al cortometraggio Hábitos, infatti, ha lavorato a Paranoia dixital nel 1996; El pliegue del hipocampo e Las vacaciones de Clara nel 1997; Un día normal nel 2011 e Maldito lunes nel 2013.

Al cinema lo ritroviamo in film come Tengo una casa del 1996; Niño nadie del 1997; Insomnio del 1998; Noviembre del 2003; El Calentito e La noche del hermano del 2005; 18 comidas e Todo lo que tú quieras del 2010; Onde está a Felicidade? del 2011; La playa de los ahogados del 2015; Il silenzio della palude del 2020.

Per quanto riguarda le serie tv, invece, ha recitato in Todos los hombres sois iguales nel 1997; A las once en casa e Plaza Alta nel 1998; Rías Baixas, Raquel busca su sitio e ¡Qué grande es el teatro! nel 2000; Pequeno hotel nel 2001; El comisario nel 2002; Código fuego nel 2003; Hospital Central e As leis de Celavella nel 2005; A vida por diante nel 2006; R.I.S. Científica nel 2007; La bella Otero – La regina della belle époque nel 2008;  Maridos e mulleres tra il 2006 e il 2008; Gondar nel 2009; 14 de abril. La República nel 2011; Grand Hotel – Intrighi e passioni tra il 2011 e il 2013; Padre Casares tra il 2008 e il 2015; Il sospetto tra il 2014 e il 2015; Hospital Real nel 2015; El Ministerio del Tiempo nel 2016; L’ambasciata nel 2016; Traición tra il 2017 e il 2018; La Casa di Carta tra il 2017 e il 2021.

Nonostante gli impegni, però, ha continuato a coltivare la sua passione per il teatro partecipando a opere come Por amor al arte e Los justos nel 2013 e O Crédito nel 2015.

La Casa di Carta

La serie La Casa di Carta ideata da Alex Pina e targata Netflix rappresenta l’occasione per farsi conoscere a livello internazionale e farsi apprezzare dalla critica.

Pedro Alonso interpreta Berlino, fratello del Professore e membro di un gruppo di ladri che compiono la più grande rapina nella storia della Spagna.

Il personaggio Andrés de Fonollosa, alias Berlino, ha un carattere forte, arrogante e narcisista e riesce a gestire le situazioni più rischiose.

Riconoscimenti

La carriera di Pedro Alonso è costellata di premi e nomination a riconferma del fatto che il suo talento non è passato inosservato.

Ha ricevuto varie nomination ai Premios Mestre Mateo: Miglior interpretazione maschile protagonista per le serie Padre Casares e El espejo e Miglior interpretazione maschile non protagonista per La Bella Otero  nel 2008; Miglior interpretazione maschile protagonista per Padre Casares nel 2009 e 2010; Miglior interpretazione maschile non protagonista per Grand Hotel nel 2012 e 2013.

L’attore ha ricevuto una nomination nella categoria  Ninfa de Oro al miglior attore per il suo ruolo in Padre Casares al Festival de Televisión de Montecarlo nel 2009.

A questo si aggiungono le nomination come Miglior attore per il film Tengo una casa e Miglior attore per Insomnio al Festival de Cine de Bogotá rispettivamente nel 1996 e 1998.

Ha vinto il premio per la categoria Menzione speciale al miglior cast e troupe per il film 18 comidas al Festival Internacional de Cine de Ourense del 2010.

Pedro Alonso ha ricevuto anche una nomination come Miglior attore per La Casa di Carta al Fotogramas de Plata nel 2017 ed è stato scelto come Star internazionale dell’anno 2018 da GQ Turkey.

Libro

In pochi sanno che Pedro Alonso si è dedicato alla realizzazione di un libro intitolato Libro de Filipo negli ultimi anni.

Il romanzo ruota intorno a Filipo, un soldato romano inviato in Oriente per individuare potenziali nemici che potrebbero intralciare l’espansione dell’Impero.

Il libro è stato pubblicato in Spagna e Argentina il 4 giugno 2020 mentre in Italia è stato disponibile dal 18 agosto 2020.

Vita privata

Da quanto La Casa di Carta ha acceso i riflettori su Pedro Alonso anche la sua vita privata è diventata oggetto di curiosità e gossip.

Quello che sappiamo è che l’attore ha una figlia di nome Uriel nata nel 1998 da una precedente relazione.

Attualemente Pedro Alonso è fidanzato con Tatiana Djordjevic (che lui chiama Tixie), con la quale condivide la passione per la pittura.

Ebbene sì, sembra strano, ma la fidanzata di Pedro Alonso ha lo stesso nome della moglie di Berlino!

Instagram

Pedro Alonso ha un profilo Instagram molto attivo e molto seguito in cui pubblica foto dei suoi lavori artistici e aggiorna i fan riguardo La Casa di Carta e altri progetti.