Quantcast

Pier Silvio Berlusconi inferocito per Star in the Star, minaccia querele contro Banijay per truffa: lo scoop di Dagospia

Pier Silvio Berlusconi è davvero inferocito per Star in the Star e minaccia querele contro la società di produzione Banijay, guidata dai fratelli Bassetti, per truffa. Lo scoop bomba è stato diffuso dal giornalista di Dagospia, Giuseppe Candela. La prima puntata del nuovo talent show di Canale 5, in onda in prima serata con al timone la presentatrice tv Ilary Blasi (accompagnata da una giuria di tre giudici che ha il compito di valutare le performance di ogni puntata) non ha registrato ascolti positivi: soltanto l’11% di share.

Ora però l’adattamento italiano della versione tedesca del talent show canoro Big Performance – Wer ist der Star im Star?, a loro volta ispirati a Bongmyeon ga-wang, format della Brainpool, è finito al centro dell’attenzione mediatica per questo scoop del giornalista Candela.

Il giornalista ha scritto su Dagospia: “Fermi tutti! Arriva l’ennesimo colpo di scena per Star in the Star, il programma con Ilary Blasi che ha debuttato giovedì scorso con appena l’11% di share. La trasmissione era finita al centro delle polemiche per la somiglianza con Tale e Quale Show e Il Cantante Mascherato ma ora i problemi sono di tutt’altra natura. Mediaset minaccia querele contro la società di produzione Banijay guidata dai fratelli Bassetti. Una lettera durissima è arrivata sabato sui tavoli dei due dirigenti: mittente Pier Silvio Berlusconi che, vista la puntata d’esordio, ne è uscito furibondo. Se la prossima puntata non cambierà radicalmente l’azienda di Cologno Monzese procederà con querela e richiesta danni”.

Per poi aggiungere: “Il punto chiave non è come il programma è stato apparecchiato (scene, luci, giuria, conduzione) ma proprio il cuore dell’idea, totalmente disattesa rispetto al contratto di appalto. Tanto che la parola chiave della diffida è truffa, avete letto bene: il pubblico è stato truffato, secondo Pier Silvio Berlusconi, perché il punto forte del programma era l’assoluta somiglianza tra il personaggio sul palco e la leggenda musicale interpretata”.

Il caso non finisce qui!