Quantcast

Processo foto rubate ai vip: assolti Selvaggia Lucarelli, Gianluca Neri e Guia Soncini

Processo foto rubate ai vip: il Tribunale di Milano ha assolto i blogger Gianluca Neri, Selvaggia Lucarelli e Guia Soncini perché il fatto non sussiste. Il giudice dell’XI sezione penale, Stefano Corbetta, in relazione a tre capi di imputazione che erano contestati a tutti e tre gli imputati – l’accesso abusivo a sistema informatico, l’intercettazione illecita di comunicazioni e la violazione di corrispondenza – ha riqualificato il fatto in un altro reato: la rivelazione del contenuto di corrispondenza.

Selvaggia Lucarelli – Foto: Facebook

Per questo reato il giudice ha dichiarato il proscioglimento per non doversi procedere per “mancanza di querela” (le presunte parti offese, le showgirl Elisabetta Canalis e Federica Fontana, non hanno querelato per questo reato).

L’inchiesta era nata dalla presunta sottrazione di un set di foto scattate alla festa per i 32 anni dell’ex fidanzata di George Clooney, Elisabetta Canalis, nella villa comasca dell’attore hollywoodiano. Canalis era parte civile con Federica Fontana.

La pm di Milano Grazia Colacicco aveva contestato ai tre blogger i reati di concorso in intercettazione abusiva, detenzione e diffusione di codici di accesso (unica non contestata a Lucarelli), accesso abusivo a sistema informatico e violazione della privacy. Le foto incriminate sono ben 191 ed erano state scattate durante la festa per il 32esimo compleanno di Elisabetta Canalis nella residenza di George Clooney sul lago di Como il 12 settembre 2010. I tre blogger erano accusati anche di aver carpito o cercato di carpire dati sensibili di molti personaggi famosi e negli atti erano saltati fuori anche i nomi di Mara Venier, Paolo Virzì e Scarlett Johansson. Il pm aveva chiesto pene fino a 1 anno e 2 mesi, ma il Tribunale di Milano ha emesso sentenza di assoluzione (motivazioni tra 90 giorni) per i tre blogger.

La blogger de Il Fatto Quotidiano, Selvaggia Lucarelli, ha commentato la notizia con gioia sulla sua pagina Facebook: “Dopo 7 anni di processo e articoli infamanti (fino a ieri), sono stata assolta perché il fatto non sussiste. Oggi dico solo questo. E che sono felice. E che stasera alle 19 sarò a Palazzo Sormani per presentare il mio libro! P.s. Grazie, davvero, al mio avvocato Isabella M. Corlaita e all’avvocato Caterina Malavenda”.