Quantcast

Pupo ospite a Domenica Live di Barbara D’Urso: “Amo due donne e non c’è niente di particolare”

Pupo è stato ospite ieri pomeriggio di Barbara D’Urso a Domenica Live. Il celebre cantautore di Gelato al cioccolato e Su di noi nemmeno una nuvola ha parlato della sua doppia storia d’amore con la moglie Anna e la personal manager Patricia Abati. Il famoso paroliere e cantante autore di un nuovo album intitolato Porno contro amore ha ribadito di amare alla follia le due donne. Ecco il suo racconto…

Pupo - Foto: Facebook
Pupo – Foto: Facebook

“Io ho due amori – ha spiegato il cantautore – Non c’è niente di particolare. Io faccio tutto quello che fanno gli italiani con la differenza che l’ho detto pubblicamente. Non tutti hanno l’amante, però. Io amo due donne: Anna e Patricia. Ho sposato Anna, amando Anna, e poi mi sono innamorato anche di Patricia e gliel’ho detto. Le cose non sono state così tecniche e matematiche. Le cose sono avvenute in modo naturale – ha raccontato – anche se non è stato semplice. Non è facile avere un rapporto così chiaro con due donne. Sono sposato da oltre 40 anni con Anna. Poi è arrivata Patricia, inizialmente è stata una storia clandestina, poi ho difeso pubblicamente questo percorso alternativo. Queste due donne hanno fatto sì che questa cosa sia diventata realtà. Non consiglierei a nessuno di intraprendere questo tipo di squadra. Meglio non farlo. Con Patricia, ci lavoro molto. Con Anna, invece, vivo i momenti a casa. Un po’ di gelosia c’è ed è normale ma sono molto rispettose. Non parliamo mai di cose troppo delicate”.

Per quanto riguarda l’origine del successo della sua canzone Gelato al cioccolato, Pupo ha rivelato: “La musica l’ho scritta io, il testo l’ha scritto Malgioglio. E’ una canzone che ho cantato a bambini e famiglie. L’ispirazione gli è venuta dopo una vacanza in Tunisia, in spiaggia…”. Cristiano Malgioglio ha fornito un’altra versione dei fatti mediante un videomessaggio: “Gelato al cioccolato è nata così. Stavo lavorando ad una canzone molto commerciale per Celentano. Io amo il budino e lo stavo preparando. Io volevo aggiungere lo zucchero ma la mia nonna aveva messo il sale al posto del porta-zucchero. Ho assaggiato il budino ed era terribile, dolce e un po’ salato. L’idea è venuta fuori così”.

Ha definitivamente sconfitto il vizio del gioco: “A 25 anni, ero miliardario. A 35, indigente. Avevo perso tutto. Avevo 6 miliardi di debiti per il vizio del gioco e per investimenti sbagliati. Oggi sono di nuovo un uomo più sereno e più ricco di prima. Sono tornato ad essere un uomo che ha recuperato tutto. Ho ricomprato tutto quello che avevo perso. Ho smesso di giocare. Sono la dimostrazione che se ne può uscire”.

E su quell’incidente sul palco di un concerto quando se la fece addosso, Pupo ha spiegato: “Su una nota alta, ho spinto troppo. Pensavo fosse una flatulenza, è scappato fuori qualcosa di più solido. Siamo umani. Capita a tutti!”.