Quantcast

Quando i capelli non tornano

“Stavo diventando calvo a 25 anni, quindi perché no?” queste le parole di Wayne
Rooney riservate a chi aveva fatto ironia sulla perdita dei suoi capelli. Il calciatore
inglese, attaccante del Manchester United e della Nazionale Inglese, spesso al centro
delle chiacchiere dei tabloid inglesi per i suoi problemi di calvizie, conferma ai fan,
attraverso Twitter, di essersi sottomesso ad un trapianto di capelli per riacquistare
sicurezza in se stesso.

Il giocatore inglese è passato ‘al contrattacco’ contro la perdita dei capelli anche
se il trapianto non è consigliato alle persone al di sotto dei 30 anni. Fin quando
la caduta non si stabilizza, affermano gli esperti, è consigliato fare uso di terapie
alternative che possono aiutare a rallentare la perdita e migliorare l’aspetto come
ad esempio il Finasteride, farmaco contro la calvizie conosciuto con il nome di Propecia. Se presa per tempo,
la perdita dei capelli, si può arrestare anche senza spendere cifre da capogiro come
gli oltre 30 mila pound che ha speso Rooney per il trapianto.

Proprio per aver agito troppo in fretta, il giovane attaccante ha recentemente
dichiarato al Daily Mail, noto quotidiano britannico, di aver avuto nuovamente dei
problemi ai capelli diversi mesi dopo il trapianto. Ma non c’è motivo di preoccuparsi,
dicono gli studiosi. Uno studio che proviene dall’Università della Pennsylvania,
in America, afferma che oggi l’uomo con la testa rasata viene percepito come un
potenziale leader naturale: più forte, più virile e più autorevole.

Il dottor Albert Mannes, autore principale della ricerca e docente presso
la Wharton School dell’Università, spiega che l’idea per questa indagine era
nata dal fatto che aveva notato che quando si radeva i capelli, le persone lo
trattavano meglio. Una volta dimostrata l’ipotesi, Mannes trova le ragioni di questa
associazione tra calvizie e virilità nella diffusione delle immagini iper-virili dei
militari, degli atleti professionisti e delle star di Hollywood come Bruce Willis.

Fonte: 121doc