Quantcast

Quando i neri erano i meridionali: il video Ciao Terroni di “This is racism” diventa virale

Quando i neri erano i meridionali: il video Ciao Terroni di “This is racism” è diventato virale. Il bravissimo attore Andrea Pennacchi è il protagonista del video sul razzismo. Ha interpretato un testo di Marco Giacosa riadattato e diretto da Francesco Imperato (e prodotto da Golemhub.com), che inizia rivolgendosi ai meridionali: “Ciao Terroni, come va, mi ricordo di voi…“.

L’accento è marcatamente veneto, il messaggio è dichiaratamente rivolto agli abitanti del Sud dell’Italia. Un video molto interessante e importante sulla discriminazione subita dai meridionali da parte dei settentrionali e sul razzismo.

 

“Mi ricordo di voi” dice l’uomo davanti alla sua villetta, illuminato dalla luce grigia tipica della Padania, “quando venivate con le valigie di cartone, dicevate di voler lavorare ma non era vero” o di quando i professori nelle scuole insegnavano che “il leone mangia il terrone. E noi tutti ridevamo”; di quando anche ai giornali piaceva evidenziare tutti i reati commessi dai famigerati terroni, infatti l’uomo ricorda che “…era sempre stato un Di Giangi, un Russo, un Esposito. E mia nonna che leggeva il giornale diceva sempre “Vedi? È gente meridionale!”. “Ci facevate tanto schifo” continua il protagonista del video, “finché non è successo il miracolo”, e qui si apre il discorso sul secondo semplice concetto che il video vuole comunicare: quanto impara la società dalla propria storia? Sì, perché il miracolo di cui sopra altro non è che l’arrivo “dei negri”. “I negri sono riusciti a fare quello che Cavour non è riuscito a fare: han fatto gli italiani”.