Quantcast

Reja: contro il Milan mi aspetto una squadra decisa


Reja
si aspetta che la sua squadra che affronterà il Milan nella prima di campionato, anche se in effetti sarebbe la seconda,  abbia un atteggiamento deciso e coraggioso.
Il tecnico goriziano sa benissimo che il Milan va affrontato con piglio e determinazione e che se si va a San Siro solamente per giocare, difficilmente si può uscirne imbattuti.

“Bisogna andare a Milano con lo spirito giusto, a giocarsi la partita a non a fare da spettatori aspettando che la squadra di Allegri conduca le danze. In questo modo saremmo praticamente spacciati, lo sarebbe chiunque. La squadra non si è affatto indebolita rispetto allo scorso anno, anzi, abbiamo preso dei giocatori di livello assoluto, con esperienza, cosa che ha il suo peso. Abbiamo preso dei giocatori che riteniamo fatti apposta per la Lazio, adatti al nostro gioco e quindi siamo fiduciosi; poi sarà il campo a dirci esattamente come stanno le cose”.

Certo che per Reja, un esordio in campionato a San Siro contro i campioni d’Italia, non è il massimo, anche se, un eventuale risultato positivo, sarebbe di grande effetto sul morale della squadra e accrescerebbe la consapevolezza dei propri mezzi, sarebbe una buona iniezione di autostima.

“Con Klose e Cissé le caratteristiche della Lazio sono decisamente più offensive”, continua Reja, “ e in compenso Hernanes e Mauri dovranno sobbarcarsi un lavoro aggiuntivo, dovranno sacrificarsi maggiormente in mezzo al campo anche in fase di copertura, ma questo è. Dobbiamo trovare un punto di equilibrio che ci consenta di sfruttare adeguatamente le caratteristiche offensive dei due davanti e, al contempo, evitare di esporci alle azioni di rimessa”.

Reja è particolarmente contento dei suoi due nuovi attaccanti, che giudica elementi di spessore e dalla grande esperienza. “Sanno mettersi a diposizione della squadra”, dice Reja, “ e poi sono particolarmente motivati. Non vedono l’ora che si cominci a fare sul serio”.