Riccardo Scamarcio attacca Clizia Incorvaia: “Si è inventata tutto, era gelosa della mia amicizia con Francesco Sarcina”

Riccardo Scamarcio si è sfogato con i suoi amici più cari e ha rivelato che Clizia Incorvaia si è inventata la storia del tradimento perché era gelosa della sua solida amicizia con il leader della band musicale Le Vibrazioni, Francesco Sarcina. L’ha rivelato una fonte molto vicina al famoso e popolare attore pugliese al settimanale Oggi.

Lo sfogo di Riccardo Scamarcio

L’attore pugliese non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione ufficiale in merito all’intricata vicenda e ha preferito mantenere un low-profile.

Una persona molto vicina a Scamarcio ha confessato alla rivista Oggi: «Ho incontrato Riccardo qualche giorno fa. Mi è apparso sereno e rilassato. Sulla questione “corna” mi ha liquidato con queste poche ma significative parole». La versione di Scamarcio, raccolta dal suo amico, è questa: «Riccardo mi ha detto: “Devi sapere che Clizia era ossessionata dal mio rapporto con Francesco. Noi avevamo una complicità che raramente si stabilisce in un’amicizia. Ci capivamo al volo, avevamo le stesse passioni ed eravamo in grado di anticipare l’uno le azioni dell’altro. La Incorvaia non tollerava il nostro affetto e ha deciso di farmela pagare. È stata lei, a causa della sua gelosia patologica, a creare tutto questo casino rivelando a Francesco una passione che tra me e lei non si è mai consumata. Se la sua intenzione era quella di uccidere per sempre un’amicizia devo dire che non avrebbe potuto trovare modo migliore per farlo».

Clizia Incorvaia replica a Riccardo Scamarcio

Si è scritto e detto molto sul presunto tradimento di Clizia Incorvaia con Riccardo Scamarcio, ma queste ultime rivelazioni shock del settimanale Oggi hanno mandato su tutte le furie la web influencer che ha rilasciato alcune dichiarazioni di fuoco al Corriere della Sera. La replica di Clizia non si è fatta attendere: «Io so che ora il mio ex marito è una persona ferita che non voleva essere lasciato. Era un’anima rock che amava star fuori la notte e tornare a casa da Clizia a respirare aria di famiglia. Il nodo è che io non volevo stare con un uomo machista e che lui non sopporta di essere stato lasciato, e che l’amico, gli dà manforte. È la solita, brutta, storia di gettare melma su una donna che non deve aver diritto di essere felice».