Quantcast

Roberta Bruzzone non molla mai: “Mi alzo in piedi e combatto”

Roberta Bruzzone non molla mai, su nulla. La 43enne criminologa più famosa e popolare d’Italia si è raccontata in una lunga intervista concessa al settimanale Gente. Di recente è stata insignita del premio Minerva, riconoscimento italiano dedicato alle donne. “Io non mollo mai – ha sottolineato la criminologa – Su niente. Che sia lavoro o vita privata mi alzo in piedi e combatto. Il premio Minerva? Nella motivazione si fa riferimento al mio impegno per donne e bambini violati che difendo anche con Caramella Buona Onlus, della quale sono vicepresidente e direttore scientifico”.

Roberta Bruzzone - Foto: Facebook
Roberta Bruzzone – Foto: Facebook

Lei è felicemente fidanzata con il 46enne funzionario di polizia in missione in Afghanistan Massimo Marino. La coppia si unirà in matrimonio molto presto. Il prossimo 30 giugno, Roberta Bruzzone e Massimo Marino convoleranno a nozze. “Io e Massimo ci sposiamo il prossimo 30 giugno – ha detto la sexy criminologa Roberta Bruzzone, che fa impazzire tanti uomini ma anche tante donne – Lui è un funzionario di polizia ed è a Kabul in missione. Ci raggiungiamo a Dubai non appena riesce ad avere un weekend di riposo, ora rientrerà in Italia per Natale e non vedo l’ora. Stiamo insieme da due anni e vorremmo una cerimonia di nozze semplice in riva al mare, vicino a Roma. Una scelta per non attirare troppo l’attenzione”.

Durante l’intervista a Gente è tornata a parlare delle avance che riceve quotidianamente anche da diverse donne. “Tra email e messaggi privati su Facebook, ricevo circa 150 missive al giorno – ha raccontato la criminologa più amata e sensuale del nostro Paese – Molte sono richieste di aiuto di persone vittime di violenza che non osano andare a sporgere denuncia. Alcuni di questi messaggi – ha puntualizzato la 43enne psicologa e personaggio televisivo originario di Finale Ligure -, una ventina, sono di signore che, come dire, mi fanno delle avance. Si tratta di complimenti eleganti – ha spiegato Ro, anche di delicati corteggiamenti. Altri ancora contengono esplicite richieste. E descrizioni di sogni intimi dei quali sono la protagonista. Con Massimo ci ridiamo. Non mi reputo una donna dalla femminilità provocante – ha detto l’ex docente della Libera Università Mediterranea Jean Monnet di Casamassima e dell’Università Nicolò Cusano -, forse alle donne piace il mio essere maschile. Il mio mostrare le curve del cervello, piuttosto che quelle del corpo”.

Tutti pazzi per la Bruzzone! Anche a voi piace molto Roberta? E’ il vostro sogno erotico? Diteci cosa ne pensate, scrivendo il vostro commento qui sotto.