Quantcast

Sabina Began, l’ape regina di Silvio Berlusconi, è diventata musulmana e vive a Istanbul

Sabina Began, l’ape regina di Silvio Berlusconi, è diventata musulmana e vive a Istanbul. Ha parlato di tutto a Belve, la trasmissione televisiva di Francesca Fagnani, cui ha rivelato che sono cinque anni che ormai non sente l’ex presidente del Consiglio dei ministri e fondatore di Forza Italia. “L’ho amato tanto, non c’è giorno che non abbia pensato a lui”, ha confessato l’attrice tedesca di origine bosniaca, il suo nome è però legato inevitabilmente alle cene eleganti di Arcore.

Sabina Began – Foto: Facebook

Condannata per favoreggiamento della prostituzione, Sabina ha asserito che quella macchia “ora si è cancellata perché vedo che Dio mi ha perdonato. Però quella cosa lì c’è, esiste, me la sono lasciata fare per amore. Ingiustamente, penso oggi”.

La sua carriera nello spettacolo sarebbe finita proprio per accontentare l’ex premier Silvio Berlusconi: “Lui mi ha detto di non lavorare più. Non potevo lavorare, insomma ero sempre sui giornali, e lui a un certo mi disse: Non lavorare, ci penso io a te”.

Oggi è musulmana sufista: “La mia vita costa poco però sono in ambiente dove c’è sempre da mangiare e da dormire, ovunque vada le case sono aperte dai miliardari ai poveri, dio mi ha dato questa possibilità”. Sostiene di vivere come in una comunità “ma io ho avuto sempre amici miliardari, quando li chiamo le loro case sono sempre aperte per me”. Anche se non ha più avuto un fidanzato: “No, mai più avuto un uomo dopo Silvio”.

Poi si è lasciata andare a confidenze molto fragorose: “Mio papà mi menava a sangue, io ho pensato anche al suicidio ho cercato il suicidio… ma mia mamma mi ha detto Dio c’è, esiste. E io sono uscita di casa per trovare Dio e l’ho trovato in Italia…”.

Ma prima ha vissuto amicizie pericolose e uomini importanti ai suoi piedi: “Io mi divertivo perché ero veramente una belva. Io ho pensato che gli uomini dovevano pagare perché mio padre non è mai stato carino con me da bambina, io non avevo questo amore per gli uomini e ho sfruttato gli uomini, facevo qualsiasi cosa che volevo, con loro, l’unico uomo che non ho potuto usare come volevo è stato Silvio”.

Ha rifiutato l’etichetta di escort “perché io quello che ho fatto l’ho fatto sempre per amore”. E ha rivelato di aver avuto un rapporto con la droga fantastico: cocaina, fumo e crack. “Mi drogavo – ha ammesso – e mi piaceva tanto. Era un periodo dove lo facevo e non ero mai fuori che non capivo niente, lo facevo per divertimento… una volta ho preso talmente tanta cocaina che ero fuori, sbandata non riuscivo a dormire. Ero talmente a tremila che ho preso un sonnifero per tranquillizzarmi, avrei potuto morire. Invece non mi ha fatto niente è come se Dio avesse voluto tenermi in vita. È stato divertente. Non c’è niente della mia vita che non rifarei, ho avuto una vita bella, l’unica cosa che non rifarei è soffrire per amore per un uomo, a cominciare da mio padre che mi picchiava”.