Quantcast

Sandra Milo è stata stuprata

index

Sandra Milo dopo anni di sofferenza e di silenzio confessa un avvenimento terribile del suo passato e rivela di essere stata violentata su un treno, proprio dal capo stazione alcuni anni fa, quando era una stella del cinema. La Milo stava viaggiano su un vagone vuoto, quando si è addormentata e una volta svegliatasi è stata aggredita da un uomo “Ho sentito un peso enorme che mi schiacciava il viso: ho aperto gli occhi e mi sono accorta con terrore che era la mano di un uomo premuta sulla mia bocca” ha raccontato Sandra Milo “Ho sentito l’altra mano di quell’uomo alzarmi il vestito e poi torcermi un braccio, per immobilizzarmi” ha spiegato l’attrice “Mi ha strappato il vestito e ha messo le sue ginocchia tra le mie gambe, per costringermi ad aprirle. Con quella mano premuta sul viso non potevo gridare: ho cercato di divincolarmi, ma quell’uomo mi ha picchiato, con ferocia. Il naso e la bocca hanno cominciato a sanguinarmi, mentre lui faceva tutto quello che voleva: mi usava, mi trattava come una cosa. Una sensazione orrenda”.

“Avevo paura che si venisse a sapere tutto, che i giornali scrivessero: “Stuprata Sandra Milo“. L’idea che milioni di uomini potessero immaginare quella scena era insopportabile per me. Mi sarebbe sembrato di essere violentata milioni di volte. Anche se non fossi stata famosa, però, non avrei denunciato comunque il mio aggressore” ha raccontato Sandra Milo “Il mio è stato un errore, ora lo capisco. Ma, nella mentalità dell’epoca, se una donna veniva violentata tutti pensavano: “Se l’è cercata!”. Le donne che osavano denunciare uno stupro, in quegli anni, subivano interrogatori orrendi, come se fossero state loro sotto processo: “Ma lei come era vestita? Aveva la gonna corta?”, si sentivano chiedere. Adesso per fortuna le cose sono cambiate. Io fino a due anni fa, tra le altre ripercussioni psicologiche che ho vissuto da allora, mi rifiutavo di prendere il treno. Comunque decisi di tacere e solo molti anni dopo riuscì ai confidarmi perfino coi miei cari”.