Quantcast

Scandalo Calcioscommesse: Arrestato Mauri, indagati Conte e Criscito

Il mondo del calcio sotto accusa in queste ore, e vede aumentare la lista degli indagati e arrestati per lo scandalo calcioscommesse. Primo protagonista di questa giornata, l’allenatore della Juventus, Antonio Conte, che dopo aver portato  alla vittoria la squadra, campione d’Italia, secondo la procura di Cremona, è coinvolto nello scandalo calcioscommesse, tanto da essere accusato per associazione a delinquere finalizzata alla truffa e frode sportiva, per il periodo in cui lo stesso allenava il Siena. Conte viene indagato a seguito delle accuse del giocatore Carobbio, in quanto sostiene che l’allenatore sapeva e taceva.

Altro indagato è  Domenico Criscito. Secondo prime indiscrezioni, la polizia verso le 6,25 è entrata a Coverciano dove vi è il centro tecnico della Nazionale,per effettuare una perquisizione. Destinatario appunto Criscito, che in virtù degli ultimi aggiornamenti in merito, è stato escluso dagli Europei. Demetrio Albertini, vice presidente della Figc, durante la conferenza stampa ha dichiarato: “Criscito non sarà all’Europeo. Pensa a chiarire la sua posizione, deve dimostrare la sua innocenza”.Stefano Mauri, capitano della Lazio, invece resta in carcere,secondo quanto disposto dal gip di Cremona, Guido Salvini, che ha firmato la richiesta di custodia cautelare in carcere .La sua posizione infatti risulta più grave rispetto ai suoi colleghi.

Alla lista si aggiunge Beppe Signori e Luigi Sartor, indagati per riciclaggio in concorso con  il commercialista Daniele Ragone e Luca Burini. Lo scandalo Calcioscommesse apre una ferita già aperta e sanguinante nel dorato mondo del calcio, ormai non più credibile. Gli scandali di questi ultimi anni hanno contribuito a far perdere di credibilità il calcio e i calciatori. Certo non bisogna far di tutta l’erba un fascio, ma i tifosi si vedono sempre più traditi dai loro beniamini, e vedono scemare la loro fede calcistica.

Il calcio, sport da tanti amato e seguito, si è trasformato in uno sport dorato, oggetto di scandalo, e senza più credibilità.