Quantcast

Selvaggia Lucarelli critica Massimo Giletti: “Fabrizio Corona? Un pluricondannato celebrato come una star in tv”

Selvaggia Lucarelli ha criticato Massimo Giletti in un post condiviso con i fan su Facebook e Twitter per aver dedicato tutta l’ultima puntata del programma Non è l’Arena di La 7 al pluricondannato Fabrizio Corona.

Selvaggia Lucarelli, Massimo Giletti e Fabrizio Corona – Foto: Instagram

Corona e le offese a Selvaggia prima di Non è l’Arena

Come ben ricorderete diversi giorni fa, Fabrizio Corona aveva annunciato di aver sporto querela contro Selvaggia Lucarelli durante una Instagram Story, poiché a suo dire da 10 anni scrive contro di lui. “Oggi sto andando in tribunale a depositare una querela nei confronti di una pseudo giornalista tutta rifatta che da dieci anni scrive contro di me – aveva esordito l’acerrimo nemico di Selvaggia Lucarelli -, ma quando la chiamo per venire a confrontarsi non ce la fa. Ti invito domenica 17, come ha fatto la redazione di Massimo Giletti, da cui tante volte sei andata a infangare il mio nome, a venire a confrontarti con me, se hai le pa**e. Fallo, se hai le pa..e, anziché parlare”. La mamma vip di Leon aveva replicato con un post agli attacchi e insulti del fidanzato della cantante Silvia Provvedi, Fabrizio Corona, spiegando le ragioni del suo no a Non è l’Arena: “Non andrò in tv in una puntata dedicata a un confronto col tizio che entra e esce di galera perché a) non mi interessa avere alcun confronto trash con lui b) dal 14 per giunta sono in vacanza in un paese molto lontano perché al contrario suo, IO possiedo il passaporto”.

Corona attacca nuovamente Selvaggia a Non è l’Arena

Fabrizio Corona ha attaccato Selvaggia Lucarelli anche durante l’ultima puntata di ieri di Non è l’Arena di Massimo Giletti. “La signorina in questione – ha detto il papà vip di Carlos -, quando io ho fatto la pseudo-rissa, ha dichiarato sul giornale che erano le 23 quando è successo e mi dovevano arrestare. Erano le 8 di sera. Dovevano prenderla e cacciarla dall’Ordine dei Giornalisti”. Per poi andare giù pesante: “Accanimento e frustrazione contro di me, e anche un po’ di gelosia perché non ci sono mai stato. Anni e anni che vuole il mio corpo e io non glielo do”.

Mughini ha criticato Giletti in diretta tv: “Massimo, sta venendo fuori una pessima trasmissione”. Il padrone di casa ha ammonito Corona: “Sono molto dispiaciuto. Fabrizio, attacchi le persone non presenti. Stai sbagliando, fidati. Stai perdendo un’occasione, lasciatelo dire. Manchi di rispetto a una donna, sono cose personali. Prendo assolutamente le distanze”.

La replica di Selvaggia Lucarelli a Giletti e Corona

La scrittrice, blogger e opinionista tv ha scritto sui suoi profili social: “Quindi un pluricondannato per un’infinità di reati che sta ancora scontando una pena va in tv celebrato come una star. Quella che ha svelato che nascondeva i soldi nel controsoffitto per evadere il fisco in un articolo su Il Fatto (quando Corona era ancora LIBERO e poteva affrontarla comodamente, ma tacque) è una che ha dell’astio perché voleva fare sesso con lui. I miei complimenti a ospite, conduttore e parterre divertito e plaudente. Un’autentica celebrazione della legalità e del rispetto per le donne”.

Corona non chiede scusa e si autoproclama eroe nazionale

Fabrizio Corona non ha chiesto scusa a nessuno il giorno dopo la sfuriata in tv a Non è l’Arena e ha pubblicamente ringraziato Massimo Giletti per avergli concesso questa grossa occasione per autoproclamarsi eroe nazionale.

Ho letto tutto. Ho letto le critiche positive e negative. Ho letto. Ma non mi sono soffermato. Per tutta la notte ho ripensato al peso delle mie parole. Pensiate sia il momento delle scuse? No. È il momento dei sorrisi per me. Ieri non solo ho potuto parlare, chiarire, raccontare anche a muso duro l’unica verità sulla mia vicenda che nessun giornalista o tv ha mai saputo riportare; ma ieri ho anche accettato una grande sfida. Spieghiamo: La mia presenza in tv fa gola a molti. E certo: ‘Corona urla e fa share’. Potevo presenziare in altre e alte trasmissioni. Invece ho accettato La7. Il piccolo Golia contro la tv commerciale fatta di nomi illustri, ospiti strapagati, collegamenti all estero, calcio e gossip. Io da Giletti ho portato invece un solo ospite, ma importantissimo: la mia parola in un programma di parola. E ho vinto, abbiamo vinto, La7 dalle 21 alle 23 vola negli ascolti e diventa la Nazionale della tv. Meglio della Nazionale vera, quei sola, che non ci hanno fatto andare al mondiale. Su canale 5 c’era il Brasile e poi Balalaika con i suoi ospitoni. Il Brasile in campo ha pareggiato. Flop. E sapete perché? Perché il vero Brasile ieri ero io e ho vinto parlando di giustizia, mettendo in rete le carte, usando la più grande arma che Dio ci ha donato: la parola libera. Quella che nessuno potrà più togliermi. Corona ha urlato, lo so. Ma ha urlato la sua verità. E la verità è sempre vincente… anche contro i mondiali. Saluti da Fabrizio Corona #eroenazionale

Un post condiviso da Fabrizio Corona (@fabriziocoronareal) in data: