Quantcast

Serena Dandini racconta la sua vita lontana dalla tv, tra amore e teatro

Serena Dandini ha condotto diversi programmi tv in Rai, tra cui Parla con me, ma da diversi anni non è più presente in video. In una lunga intervista rilasciata al settimanale Diva e Donna la conduttrice e autrice televisiva ha raccontato la sua vita lontana dalla televisione, tra amore e teatro. “Attacchi personali, provati dalle intercettazioni – ha rivelato Serena Dandini – Ma non mi sono mai lamentata. Mi dicevano che ero una raccomandata della sinistra, invece non ho mai avuto padrini. Devo anzi ringraziare Berlusconi. Mi ha rimesso in moto parti del cervello che sarebbero rimaste dormienti senza di lui. Invece di stare seduta comoda sul mio divano rosso a intervistare celebrità, ho fatto altro. Sono rientrata nella vita reale. Ho molto amato fare la mia televisione, ma detto questo c’è tanta vita nel mondo di fuori”.

Serena Dandini - Foto: Facebook
Serena Dandini – Foto: Facebook

Per quanto riguarda la sua longeva storia d’amore con il compagno Lele Marchitelli, di professione musicista e compositore, Serena ha dichiarato: “Stiamo insieme da trent’anni. Tanti. Siamo due caratteri forti e indipendenti. Abbiamo imparato a mediare. Anche questa è una forma d’amore. Ci tiene insieme la curiosità, le cose da sperimentare in comune. L’amore per Parigi. Vedere le serie insieme. E poi i suoi piatti. Lui è un cuoco straordinario”.

Com’è il suo rapporto con la figlia Adele? “E’ la più severa di tutti – ha spiegato l’ex conduttrice di Parla con me – E’ una bravissima documentarista. Ha 33 anni e ora vive a Londra dove ha vinto una borsa di studio. Non diventerà mai ricca, ma fa quello che l’appassiona. La fortuna più grande”.

Serena Dandini ama bere in modo consapevole e premeditato. Sulle sue origini ha rivelato: “Sono una contessa felicemente decaduta. Miseria e nobiltà. Mio padre s’è mangiato tutto. Mi ha lasciato solo lo stemma e il suo sense of humor. L’eredità più grande. Io non sono sprecona come lui, la lezione mi è servita. Resto fondamentalmente un’insicura. E’ un po’ anche l’assillo di fare bene le cose che mi frega”.