Quantcast

Serie A: tracollo Inter, ma Ranieri non rischia

tracollo Inter

E’ ritornata l’Inter del prima calciopoli? E’ questo che si chiedono ormai i vari esperti di calcio della nostra Serie A. La squadra nerazzurra, dopo anni gloriosi, è sprofondata in una crisi che sta avendo il culmine in questa stagione. Se lo scorso anno si è riuscito a tamponare un periodo non semplicissimo grazie all’orgoglio di molti campioni e ad un Eto’o in più, quest’anno la situazione è piuttosto tragica. Ranieri aveva tentato di far risalire la china ai nerazzurri, illudendo probabilmente un pò tutti sul reale potenziale di questa Inter.

La squadra ormai ha bisogno di una netta rivoluzione, c’è la necessità di non affidarsi più ai senatori, tutti i tifosi saranno sempre riconoscenti ai vari Zanetti, Cambiasso, Stankovic, Samuel, Lucio, ma ormai la squadra ha bisogno di un restyling non indifferente. Lo si è capito ancor di più nella partita di ieri pomeriggio contro il Novara, dove Ranieri ha schierato in campo molti gicoatori della vecchia guardia.

Il problema sicuramente è dato anche da un mercato poco incisivo e intelligente, ma quello che manca di più a questa squadra è la lucidità e la grinta giusta. Calciatori senza motivazioni, ma anche senza fiato e senza idee, Ranieri non rischia il posto perché non può contare su altri calciatori, anche se probabilmente dovrebbe dar più spazio ai vari giovani presenti nel gruppo in questo modo si perderà lo stesso, ma si avvierà un processo di ringiovanimento della squadra praticamente necessario. E’ un tracollo per l’Inter e fino a giugno sarà necessario limitare quantomeno i danni.