Quantcast

Silvio Berlusconi e Marta Fascina: “matrimonio” simbolico a Villa Gernetto, assente il figlio Pier Silvio

Silvio Berlusconi e Marta Fascina si sono scambiati le promesse e gli anelli del “matrimonio” simbolico sabato 19 marzo 2022 nella piccola cappella a Villa Gernetto, a Lesmo in Brianza, nella dimora risalente alla metà del 700 di proprietà dell’ex presidente del Consiglio dei ministri e del Milan. Tanti ospiti vip presenti alla festa e al rito, che è molto diffuso negli Stati Uniti d’America e che rappresenta la volontà di suggellare un’unione, sia pure senza alcun valore civile o giuridico.

Silvio Berlusconi e Marta Fascina si scambiano le promesse di matrimonio – Foto da video di Vittorio Sgarbi

Completo di Armani blu con un mughetto all’occhiello per l’ex patron di Mediaset, mentre Marta Fascina ha indossato un abito bianco in pizzo francese, con corpetto, mezzo colletto e scollatura casta a V, oltre a un ampio strascico bianco creato dallo stilista Antonio Riva. Di mughetto anche il bouquet, in pendant con l’occhiello di Berlusconi. Lui le ha regalato un solitario, lei un calco delle sue mani intrecciate a quelle del compagno.

La lista degli invitati vip comprende i familiari, con il fratello Paolo e i figli Marina, Barbara, Eleonora e Luigi con i nipoti, mentre non c’è Pier Silvio che preferisce tenersi lontano da eventi troppo affollati per via del Covid (tutti gli invitati comunque hanno effettuato un tampone).

Sono presenti Gianni Letta con signora, l’ex ministro Matteo Salvini, Marcello Dell’Utri con la moglie, Fedele Confalonieri, Adriano Galliani con la compagna, Niccolò Ghedini con la moglie, il medico personale del Cavaliere Alberto Zangrillo, Renato Della Valle, i parlamentari Licia Ronzulli, Anna Maria Bernini, Antonio Tajani, Valentino Valentini, Vittorio Sgarbi, l’amministratore delegato di Fininvest, Danilo Pellegrino con la compagna, l’ad di Publitalia, Stefano Sala, e il presidente della Vigilanza Rai, Alberto Barachini. Assente Paolo Barelli, positivo al Covid.

Il menu a forte trazione lombarda è opera del ristorante stellato «Da Vittorio» di Brusaporto che nelle scorse settimane ha presentato all’ex premier diverse proposte e assaggi. Alla fine la scelta è caduta sui mondeghili di vitello al limone con crema di sedano e rapa come antipasto, mentre per primo un bis di gnocchetti di ricotta e patate allo zafferano, robiola e pan pepato e i paccheri alla Vittorio, a base di tre tipi di pomodoro. Come secondo una tagliata di manzo al vino rosso con patata fondente e crema di carote alla cannella e, oltre alla torta a tre piani a richiamare gli anni di fidanzamento della coppia e alla torta di mele passione del presidente di Forza Italia, una kermesse di dolci e un gelato molto apprezzato. Agli uomini il Cavaliere ha regalato ha una cravatta Damiano Presta, alle donne un foulard e un orologio da taschino.