Quantcast

Space Cowboy è il nuovo album di Tommaso Paradiso: la tracklist

Space Cowboy è il nuovo album di Tommaso Paradiso, ex leader dei TheGiornalisti. Il suo primo disco da solista è stato pubblicato lo scorso 4 marzo, rimandato rispetto al mese di gennaio, previsto inizialmente. Il disco sta in equilibrio fra la parte più profonda e poetica del cantautore e l’irriverenza trascinante di brani più scanzonati. Un dualismo anche musicale in cui nuove sonorità si uniscono a quelle romantiche e nostalgiche che hanno da sempre caratterizzato il suo stile. L’album prodotto da Federico Nardelli (con l’eccezione di Tutte le Notti, prodotta da Dorado Inc.) è un disco che sta in equilibrio fra la parte più profonda e poetica del cantautore e l’irriverenza trascinante di brani più scanzonati.

Tommaso Paradiso – Foto: Facebook

Space Cowboy di Tommaso Paradiso: la tracklist dell’album

Guardati Andare Via

Amico Vero feat. Franco126

Magari No

Lupin

La Stagione del Cancro e del Leone

Space Cowboy

É Solo Domenica

Silvia

Tutte Le Notti

Vita

Sulle Nuvole

Space Cowboy di Tommaso Paradiso: le dichiarazioni sul suo album

Paradiso aveva annunciato il suo album tramite il suo profilo Instagram alcuni mesi fa: “Ringrazio quell’omino che un giorno non precisato di tantissimi anni fa si dimenticò di raggiungermi nella sala prove di via Carlo Mirabello. Mi preparai mesi per quel provino, ma lui, quel produttore, non venne. Semplicemente si dimenticò, o forse nella sua testa quell’appuntamento non era mai esistito. Quella mattina piansi, ero deluso, ma cominciai a sognare. E da lì in poi più le delusioni mi attaccavano più i miei sogni si irrobustivano, mi proteggevano, mi portavano lontano”.

Aveva poi aggiunto: “Quei sogni sono diventati canzoni e le canzoni sono diventate la mia unica salvezza, un grido, un gesto di follia, uno squarcio, la compagnia del presente, il legame con il passato, tutte le immagini di proiezioni future, lettere imbustate e spedite con il cuore sopra. Non so se le canzoni siano genitori o figli, non l’ho ancora capito, fatto sta che oggi mi hanno accompagnato qui, in un’altra stazione, in un altro punto dello spazio e del tempo, in un’altra storia tutta da vivere e da raccontare. Sono sul precipizio dell’emozione o come urlerebbe il poeta: Sto gonfio d’amore”.