X Factor 2018, Lodo Guenzi al posto di Asia Argento: “Ho la fortuna di ereditare una squadra splendida”

X Factor 2018, Lodo Guenzi prende il posto di Asia Argento. Dopo settimane di rumor, mezze verità, smentite e pettegolezzi, Sky ha annunciato il sostituto della famosa attrice e regista italiana proprio il giorno dopo la prima puntata di Bootcamp. Il simpatico componente della band musicale Lo Stato Sociale ha avuto la meglio sugli altri pretendenti.

Lodo Guenzi – Foto: Instagram

Lodo Guenzi aveva già preso parte all’edizione 2018 di X Factor durante la seconda puntata delle audizioni. Ora però inizia una nuova e avvincente sfida televisiva per il frontman de Lo Stato Sociale.

Sul suo profilo Instagram ha espresso tutta la sua gioia per il ruolo di giudice a X Factor 2018.

“Quello come giudice è l’unico provino che avrei potuto passare ad X Factor – ha esordito Lodo – A sedici anni ho visto Morgan in tv rispondere a una ragazza che rifiutava un giudizio negativo sostenendo di saper cantare. Lui rispose: ‘Vedi, tu canti meglio di Lou Reed… ma io preferisco Lou Reed’. Credo di essermi appassionato di musica in quel momento, e credo che quello sia il motivo per cui alla fine ho passato sei anni sui palchi. L’idea che ci siano tante strade per far arrivare la propria voce, bella o brutta, al cuore della gente mi fa sentire libero”.

L’artista bolognese ha poi proseguito: “X Factor è una strada molto veloce, molto pericolosa ma molto illuminata, attraversata da ragazzi che hanno grande talento e la P da neopatentati al vetro. Spero li aiuti avere accanto uno che alle autostrade ci è arrivato dopo provinciali, statali e sentieri sconosciuti. Che poi nella realtà io non ho la patente, ma mi piaceva la metafora. Da sempre la nostra vocazione è portare un’alterità nel sistema, non fare gli eremiti che parlano solo ‘a chi se lo merita’. Dai baretti ai palasport, dalle radio locali a Sanremo, se sai chi sei puoi andare ovunque”.

Lodo ha poi aggiunto: “Senza smettere di indagare i paradossi che il voler parlare liberamente ma al contempo a tanta gente porta con sè, come quando scrissi tre anni fa nasci rockstar muori giudice a un talent show. È uno dei miei pezzi preferiti e non se l’è cagato nessuno, ora spero diventi un po’ più famoso. Credo che Asia sia stata bravissima e ho la fortuna di ereditare una squadra splendida scelta da lei, e qualsiasi cosa succeda di buono rimarrà fondamentalmente merito suo. Il grazie più grande va ad Albi, Bebo, Carota e Checco, la mia band, i miei amici, che anche in questo caso mi hanno sostenuto – ha concluso – Si comincia, siate con me. Sarà bello”.

Guenzi siederà al tavolo dei giudici dal 25 ottobre, all’inizio dei live.