Quantcast

Tanti applausi per Sangue del mio sangue di Bellocchio

Otto minuti di applausi per Sangue del mio sangue di Marco Bellocchio, presentato alla Festa del Cinema di Venezia. Il regista di Buongiorno notte e Bella addormentata, 50 anni dopo I pugni in tasca, porta il suo nuovo film a Venezia, Sangue del mio sangue. Il film si ispira alla vicenda della monaca di Monza e racconta di suor Benedetta, condannata nel 1600 ad essere murata viva nel convento di Bobbio, nel Piacentino, perché considerata preda del diavolo, dopo aver sedotto un prete.

Il film racconta una doppia storia, perché dal ‘600 Bellocchio ci porta nell’angoscia del presente, dominato dalla corruzione di un conte-vampiro, ovvero il grande Herlitzka. Un film contro il potere («della Chiesa prima, del dominio democristiano dopo», spiega lo stesso Bellocchio) e sulla grande forza della donna.

«Non mi sono preoccupato dell’architettura drammaturgica – ha raccontato Bellocchio – non è uno di quei prodotti americani in cui tutto deve essere spiegato: questa pellicola è un inno alla libertà, un apologo sull’Italia di oggi. Resto un anarchico sempre più moderato. Non mi vedo nelle manifestazioni dei No Tav ma il potere continua a darmi fastidio. Abbiamo un Papa più a sinistra della sinistra, ma non fatemi passare per un convertito».

Nel cast sono presenti anche il figlio del regista Pier Giorgio Bellocchio, Lydiya Liberman, Fausto Russo Alesi, Alba Rohrwacher, Federica Fracassi e Filippo Timi. “Voglio fare quello che mi piace fare – ha detto il regista sul passaggio temporale tra le due storie presente nel film – andando ad esempio nel presente senza preoccuparmi affatto di rispettare un’architettura drammaturgica perfetta. Questa libertà è lo spirito di questo film e le connessioni tra passato e presente le lascio fare ai miei spettatori”.

Il film, già nelle sale, è ambientato a Bobbio, paese del regista; ed è proprio a Bobbio che ogni estate, grazie a Bellocchio e alla sua famiglia, si tiene laboratorio-festival “Fare cinema”, una scuola per i giovani e per tutti gli appassionati della settima arte.