Quantcast

Terremoto in Svizzera, avvertito a Milano e Varese

La terra non smette di tremare. Nella serata di ieri, una scossa di magnitudo 4.4 è stata registrata nel cantone di Svitto in Svizzera, esattamente a 60 chilometri da Zurigo e a 60 chilometri dal confine italiano. La scossa è stata avvertita anche nel nord della Lombardia, in particolare a Milano e Varese.

Terremoto in Svizzera avvertito nel nord della Lombardia- foto corriere.it

Finora non è stato registrato nessun danno a cose e persone, ma secondo il servizio sismico “un terremoto di tale intensità può provocare danni da leggeri a moderati in prossimità dell’epicentro”. La centrale operativa regionale di Protezione civile ha ricevuto diverse segnalazioni nelle province di Bergamo, Lecco, Como, Milano e Sondrio.

Il sismografo del Centro geofisico Prealpino ha fissato l’ora della prima scossa alle 21.12 della sera di lunedì 6 marzo e l’ora di un’altra scossa di leggera entità intorno alle 23.00.

È raro che si verifichi un sisma di queste proporzioni in questa area geografica, anche se nell’ultimo anno la Svizzera ha registrato ben 31 scosse ma in modo impercettibile. L’ultimo terremoto sensibile risale al 1855 quando si raggiunse una magnitudo di ben 6.4 gradi a nord di Locarno.

In queste ore, l’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione della Regione Lombardia, Simona Bordonali, ha confermato che non vi sono stati danni a cose e persone e ha fatto sapere che “La Sala operativa regionale, attiva 24 ore al giorno, continuerà a monitorare la situazione”.