Balzo degli occupati, Oprah Winfrey pensa candidatura alla Casa Bianca, altre notizie

L’ELOGIO DI MACRON A GENTILONI, GRAN LAVORO SUI MIGRANTI

CON L’ITALIA RAPPORTO ‘COMPLEMENTARE’ A GERMANIA-FRANCIA

Il presidente francese Macron, a Roma per un bilaterale, rende omaggio al gran lavoro dell’Italia sui migranti. Ed elogia in particolare Gentiloni perché la sua azione ha consentito di ‘avviare una nuova dinamica’ in Europa. Sul prossimo voto italiano, l’auspicio che si continui a credere nella Ue.

BALZO DEGLI OCCUPATI A NOVEMBRE, BENE ANCHE PER I GIOVANI

ESULTANO GENTILONI E RENZI, MA LE OPPOSIZIONI ALL’ATTACCO

Balzo dell’occupazione a novembre 2017. Gli occupati in Italia sono 23.183.000. E’ il livello più alto dal 1977. Il tasso di disoccupazione scende all’11% e quello di occupazione 15-64 anni sale al 58,4%. Calo record della disoccupazione giovanile al 32,7%.

MARONI LASCIA, IN LOMBARDIA IL CENTRODESTRA SCHIERA FONTANA

‘MA RESTO A DISPOSIZIONE’ – DICE

‘Motivi personali’. Roberto Maroni rinuncia così a candidarsi per un eventuale nuovo mandato da governatore della Lombardia. ‘Ma sono naturalmente a disposizione’, dice, assicurando sostegno al candidato prescelto (l’ex sindaco di Varese, Attilio Fontana).

USA: STAR TV OPRAH WINFREY PENSA A CANDIDARSI A CASA BIANCA

LA CONDUTTRICE HA RITIRATO IL PREMIO AI GOLDEN GLOBES

oprah-winfrey

La star della tv americana Oprah Winfrey sta considerando di candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti e correre per le elezioni del 2020 nella sfida a Donald Trump, a quanto riferito da persone a lei vicine secondo la Cnn. L’occasione per esporsi pubblicamente è stata la premiazione ai Golden Globes: la conduttrice ha ritirato il premio e ha parlato dei diritti delle donne e di tutte le minoranze.

LONDRA RIFIUTA STATUS DIPLOMATICO DELL’ECUADOR AD ASSANGE

FOREIGN OFFICE, ESCA DALL’AMBASCIATA E AFFRONTI LA GIUSTIZIA

La Gran Bretagna ha rifiutato di riconoscere a Julian Assange lo status di diplomatico dell’Ecuador, respingendo così la richiesta fatta dal governo di Quito. Lo ha riferito un portavoce del Foreign Office, secondo cui il caso del cofondatore di Wikileaks, rifugiato dal 2012 nella sede diplomatica del Paese sudamericano a Londra, si puo’ risolvere solo se quest’ultimo decide di uscire e ‘affrontare la giustizia’.

Antonio Santamato

Dottore in Comunicazione, video-editor di igossip.it.