Quantcast

Torna il più innovativo festival di Streetwear and Streetculture in Italia

Torna il più innovativo festival di Streetwear and Streetculture in Italia. Dopo il successo delle prime due edizioni, dal 7 al 9 giugno torna Maze, il primo e il più innovativo festival dedicato al mondo dello Streetwear e della Streetculture ad ingresso totalmente gratuito che si tiene a Torino in Piazzale Valdo Fusi e all’Ex Borsa Valori in via San Francesco da Paola 28. Sfilate, mostre, street art, sport, streetdance, conferenze, contest, showcase e stand dedicati ai principali brand del settore raccontano le novità di questo trend che ha conquistato gli stilisti, gli influencer, gli artisti e gli esponenti della cultura internazionale.

Con oltre 6.000 partecipanti, l’edizione 2018 di Maze si è affermata come un punto di riferimento nazionale ed europeo per le diverse anime di questa tendenza che vede tra i protagonisti Fendi, Prada, Gucci, Balenciaga, Louis Vuitton, Marcelo Burlon e Off white. Oltre alle sfilate, che si tengono ogni giorno e sono aperte al pubblico, a Maze 2019 non mancano i B2B Brunch dedicati agli operatori del settore. Nelle edizioni precedenti i fashion show hanno avuto per protagonisti marchi iconici del calibro di Fila, Kappa, Mizuno, Fred Perry, Vans, K-Way, Pop 84 e Italia 90 affiancati da altri in rapida ascesa provenienti da tutto il mondo e anche quest’anno sono molti i brand che hanno dato la loro adesione.

Tanti anche i talk con esponenti dal mondo della Streetart, dell’hip hop, della street photography, live performer, documentaristi e altro ancora. Sul fronte sport Maze ospita contest di skate e streetball, oltre ad un coinvolgente contest incrociato di streetdancer e beatmaker. Non mancano infine i dj set e le serate live, in collaborazione con i format One Night più in voga della città.

Realizzato con il patrocinio della Regione Piemonte e del Comune di Torino e con i contributi della Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di Torino, il Festival è ideato da Jennifer Caodaglio e creato dall’Associazione Interculturale Multiethnic Media.