Quantcast

Tre consigli per prendersi cura della vista

La vista è uno dei sensi più importanti nella vita delle persone ed è anche soggetta a numerose problematiche che affliggono giovani e adulti. Per prevenire disturbi agli occhi e mantenerli sani e funzionali è importante rivolgersi al medico non appena si presentano sintomi anomali come vista annebbiata o sfuocata, arrossamento, lacrimazione e mal di testa.

Oggi vedremo in che modo prendersi cura della vista attraverso tre ottimi consigli da mettere in atto quotidianamente. Qualora ci fossero problemi nella visualizzazione di oggetti vicini o lontani e difficoltà a mettere a fuoco lo specialista proporrà l’utilizzo delle migliori lenti antiriflesso in base all’età e al caso da trattare o altri rimedi curativi.

In ogni caso prendersi cura della vista è molto semplice, soprattutto se lo farai seguendo questi tre consigli.

1.    Alimentazione sana

Qualsiasi organo del nostro corpo risente di ciò che mangiamo. Per fare un esempio potremmo dire che il nostro organismo sia come un’automobile e che, qualora dovessimo inserire nel serbatoio il carburante sbagliato questa non riuscirebbe più a partire.

Allo stesso modo se il serbatoio è vuoto o quasi rischieremmo di fare pochi chilometri prima che l’auto si fermi e smetta di funzionare. Ebbene l’organismo necessità del giusto carburante in base alla sua età, al suo stile di vita e ai nutrimenti di cui ha bisogno per consentirci di vivere al meglio le nostre giornate.

Per la vista il migliore alleato è senza dubbio la vitamina C, utile per contrastare i radicali liberi e rallentare l’invecchiamento. Ci sono poi le verdure a foglia verde, fonte di luteina e zeaxantina come anche ortaggi e frutta di colore giallo e arancione, ricchi di beta-carotene. Inoltre sono dei veri toccasana soia, uova, pesce e avocado, alimenti ricchi di acidi grassi essenziali. Vitamina E ed agenti antinfiammatori.

2.    Giusta distanza dagli schermi

Computer, televisori e smartphone sono diventati oggi il nostro pane quotidiano. Questi dispositivi sono utili e divertenti ma se utilizzati in modo sconsiderato possono creare danni alla vista. Per questo è buona norma farne uso in modo attento, attraverso la giusta distanza dallo schermo riflettente.

Prendi la diagonale dello schermo e considera che dovresti esser lontano almeno tre volte la sua misura. Evita di fissare lo smartphone di notte, a distanza ravvicinata e utilizza i filtri blu applicabili sugli schermi per evitare disturbi anche al sonno. Se lavori al computer distogli lo sguardo almeno ogni trenta minuti e cerca di mettere a fuoco soggetti molto lontani per riposare gli occhi.

3.    Prevenzione periodica

Un’abitudine poco diffusa è quella di andare dal medico quando, apparentemente, non abbiamo nulla di cui lamentarci. Effettivamente ci riferiamo all’esperto quando un dolore o un fastidio non ci lasciano riposare ma questo significa agire per curare un problema.

L’ideale sarebbe prevenire i disturbi facendo visite periodiche di controllo che, peraltro, sono meno costose e meno invasive di un intervento vero e proprio. Il vecchio modo di dire che “prevenire sia meglio che curare”, dopotutto, ha sempre ragione. Sforziamoci di metterlo in pratica!