Quantcast

Trono Under: Rosy e Italo innamorati più di prima

Intervistata dal settimanale Visto la coppia formata da Italo Di Giovanni e Rosy Formisano racconta il suo amore e le difficoltà passate a causa di una piccola crisi avuta quest’estate.

“Abbiamo trascorso un periodo buio, in estate abbiamo passato giorni interi a discutere, però ora abbiamo superato ogni divergenza.” raccontano, ma rivelano anche di esserne usciti e di sentirsi ora più innamorati che mai “Ci sentiamo uniti da un sentimento profondo, pensiamo al nostro futuro, ma nozze e figli sono lontani. Sarebbe da immaturi pensare di formare una famiglia, dobbiamo sistemarci a livello economico. I bambini ci piacciono, ma ci sono dei tempi da rispettare, e noi viviamo come una coppia normale.”

Poi Rosy spiega i motivi delle divergenze “Caratterialmente siamo molto diversi, io vivo alla giornata, lui è più responsabile e conservatore. Abbiamo modi di pensare completamente diversi, ma se stiamo ancora insieme e siamo felici come il primo giorno, meglio di così ”

“Dopo il primo ballo in trasmissione abbiamo capito che eravamo fatti l’uno per l’altro” ricordano “ci siamo subito estraniati dal gruppo, e abbiamo cominciato a frequentarci. Siamo due persone semplici che si sono subito capite. Fisicamente ci siamo piaciuti subito. Poi cominciando a parlare, durante un lento, abbiamo capito che potevamo provare a conoscerci meglio.”

“La mia vita è cambiata quando lui mi ha abbracciato la prima volta. Ho sentito una scarica elettrica che mi ha fatto pensare: è quello giusto. Tra noi c’è stata subito una chimica pazzesca.” racconta Rosy “Anche le nostre famiglie sono contente, ci vedono cambiati, vogliamo stare insieme per i prossimi settant’anni” spiegano “Facciamo fatica a capire bene cosa è successo, non pensavamo di innamorarci davvero in trasmissione.”

Per stare insieme infatti Rosy e Italo sarebbero disposti a fare qualsiasi cosa “Ho mollato lavoro e città ma so che ne vale la pena. Pensiamo a un figlio, ma nel futuro noi due siamo già una famiglia.”

Di valentina vanzini