Aldo Grasso attacca Mediaset: “Prima guardava al futuro, oggi è tutto Barbara d’Urso”

Aldo Grasso ha attaccato Mediaset in occasione dei 40 anni di Canale 5, che agli inizi si chiama Telemilano. Il famoso e stimato critico televisivo, giornalista e professore universitario ha esordito così sul Corriere della Sera: “Undici novembre 1980: Telemilano, tv a diffusione regionale, si collega con altre 23 emittenti per presentare su scala nazionale la seconda edizione dei «Sogni nel cassetto», l’ eterno quiz condotto da Mike Bongiorno: è la nascita ufficiale di Canale 5. Ma già dal 30 settembre, la vecchia Telemilano 58, già Telemilano e prima ancora Telemilano Cavo, aveva assunto il nome di Canale 5”. Il noto giornalista ha criticato indirettamente una delle conduttrici più famose e chiacchierate di Canale 5, Barbara d’Urso.

Aldo Grasso e Barbara d’Urso – Foto: Dagospia.com

Grasso ha poi continuato: “Undici novembre 2020: Canale 5 ignora la festa dei 40 anni e trasmette un modesto programma musicale. Col ribaltamento delle finalità del broadcasting – non più «servizio pubblico» venato di intenti didascalici, ma impresa tesa al profitto, alla massimizzazione degli ascolti e alla raccolta di pubblicità – cambia radicalmente il ruolo della programmazione”.

E poi ancora: “Su Canale 5, vanno in onda telefilm (si chiamavano così) d’ importazione, accanto però a una produzione autonoma, nel solco della più consolidata tradizione nazional-popolare. La rete inaugura i suoi programmi con l’ emblema stesso della tv italiana, Mike, come accadrà, qualche anno più tardi, con altri «divi» della tv pubblica”.

Per poi proseguire: “L’offerta filmica alterna Hollywood con film pop italiani anni 60 e 70. Se le modalità di trasmissione, l’acquisto dei diritti e i modelli di produzione si modificano con la tv commerciale, è però un altro fattore ad affrontare una vera rivoluzione: si tratta del palinsesto, che acquista via via un posto chiave nell’industria, e diventa lo scacchiere per valorizzare al meglio i titoli acquistati sul mercato internazionale, per definire le identità delle reti, per adattare il flusso di programmi ai gusti e alle abitudini del pubblico, per entrare in concorrenza. Si guardava al futuro. Oggi è tutto Barbara D’Urso”.

Lo scorso anno Aldo Grasso si era scagliato apertamente contro Barbara d’Urso poiché ospitava spesso nelle sue trasmissioni tv, da Domenica Live a Pomeriggio 5 fino a Live – Non è la d’Urso, il contestatissimo Adriano Panzironi, l’inventore del metodo Life 120, che secondo il Consiglio superiore della sanità si basa su argomentazioni non supportate da evidenze scientifiche e incorre in imprecisioni ed errori gravi.

Redazione-iGossip