Massimo Giletti e Selvaggia Lucarelli affossano Barbara D’Urso e Mediaset sul caso Tony Colombo e Tina Rispoli

Massimo Giletti e Selvaggia Lucarelli hanno nuovamente affossato Barbara D’Urso e Mediaset sul caso Tony Colombo e Tina Rispoli durante la puntata di ieri di Non è l’Arena. Al centro dell’attenzione del programma tv di La7 sono finiti il chiacchieratissimo e trash matrimonio di Tony Colombo e Tina Rispoli trasmesso in tv da Barbara D’Urso a Pomeriggio 5 e la scottante e importante inchiesta giornalistica di Fanpage.it denominata Camorra Entertainment sui contatti sospetti o palesi del cantante neomelodico e della vedova del boss Gateano Marino (fratello di Gennaro Marino, capo dell’ala militare degli Scissionisti di Secondigliano, oggi detenuto al 41bis) con la camorra.

Selvaggia Lucarelli contro Barbara D’Urso e Mediaset: “Questo silenzio è assordante”

Ieri Massimo Giletti è tornato a raccontare la storia di Tony Colombo e Tina Rispoli: «Voglio ringraziare Maurizio Costanzo perché ha scritto un articolo molto bello, non solo nei miei confronti, ma di tutti coloro che stanno lavorando per cercare di capire cosa c’è dietro questo matrimonio».


La giornalista e scrittrice Selvaggia Lucarelli ha sottolineato: «Non si può giocare con questa ambiguità. Non si può raccontare con il taglio e il divertimento qualcosa che è molto oltre. Scusa se lo dico, non ci siamo messi d’accordo e non sai nemmeno quello che sto per dire». L’opinionista tv e giurata di Ballando con le Stelle ha poi affermato: «È quella relativa al fatto che parli con insistenza di questa vicenda perché ci sarebbero dei sottotesti, delle rivalità, delle scaramucce tra conduttori. Chi se ne frega di chi legge di questi sottotesti. Mi stupisce che ne parli con questa foga e insistenza solo tu. Ne dovrebbero parlare tutti. In questo ambiente però tutti tacciono».

Allora il conduttore di “Non è l’Arena” ha tirato in ballo Maurizio Costanzo: «È l’unico che ha capito il senso della nostra battaglia. Invece ho avuto uno scambio di sms con il direttore di una rivista importante che la pensa diversamente. Nella libertà ci sta tutto». Per Massimo Giletti non si può far finta di non capire che «portare in tv questo tipo di personaggi vuol dire accreditare certe ambiguità e criminalità».

In riferimento alla presunta rivalità con Barbara D’Urso, pur senza nominarla, Giletti ha sottolineato: «Gli scontri tra due conduttori sono fregnacce, non c’entrano, stiamo parlando di qualcosa che va oltre. Questa tv fatta così è un errore».

SCOPRI LA BIOGRAFIA E LA VITA PRIVATA DI TINA RISPOLI

La giornalista de Il Fatto Quotidiano ha poi tirato le orecchie a Barbara D’Urso e Mediaset: «Questo silenzio ricorrente quando si fanno domande specifiche è inquietante. Non è molto diverso da quello della tv che li ha ospitati per mesi e mesi, pagandoli e raccontando la loro favola d’amore».

Una delle domande che non trova risposta è: «Perché li avete raccontati così senza narrare quello che c’era dietro?». Selvaggia ha poi aggiunto: «Questo silenzio è assordante. Credo che si possano fare anche degli errori, però poi messi di fronte alla verità si ha il dovere morale e professionale, visto che si è sotto testata giornalistica, di chiarire la propria posizione». La scrittrice ha poi proseguito: «Perché Barbara D’Urso e Mediaset non rispondono? Perché si nascondono dietro questo silenzio che francamente trovo inquietante. La signora D’Urso si accomoda sulla sedia quando Morgan le dà buca in trasmissione e lei spiega perché deve chiarezza al pubblico, facendo venti minuti di monologo, e poi scappa di fronte a questa situazione. Noi aspettiamo che chiarisca la sua posizione».

Massimo Giletti contro Barbara D’Urso: “Basta distorcere la realtà della camorra in tv”

Alcuni giorni fa il conduttore di Non è l’Arena si era domandato a Il Fatto Quotidiano: “Chi era Tony Colombo prima di andare in televisione? Nel momento in cui gli dai spazio non puoi non renderti conto dell’effetto della continuità della presenza di chi non deve stare in televisione e non deve diventare personaggio. […] Tina Rispoli è una vedova di camorra, è una che sa cosa fa, sa chi sono i suoi familiari, sa chi era suo marito. Quando tu accetti di far dire alla Rispoli ‘siete voi che dite che sono legata alla camorra’ non va bene, sono i fatti che parlano di una situazione che stride con la descrizione che fa Barbara (D’Urso, ndr) della principessa con la coroncina. La distorsione della realtà passa attraverso anche tutto questo e noi non possiamo accettarlo”.

Giletti aveva poi sottolineato a Il Fatto Quotidiano: “Mi chiedo ma siamo sicuri che sia sotto testata giornalistica? Quel modo di fare televisione si può nascondere dietro la dicitura testata giornalistica? Davvero essere giornalisti vuol dire avere un patentino o una sigla? Se è così io qualche domanda inizio a pormela perché per me essere giornalisti è tutt’altra cosa”.

Redazione-iGossip