Urbano Cairo esalta i risultati di La7: “Noi in crescita, Rai e Mediaset sono calati”

Urbano Cairo ha esaltato i risultati ottenuti da La7 in quest’ultima stagione durante la conferenza stampa di presentazione dei palinsesti 2018/2019. La nuova programmazione punta tutto sulle riconferme e su una linea editoriale basata ancora sull’informazione.

Urbano Cairo – Foto: Facebook

“Chiudiamo una stagione strepitosa con risultati che hanno riportato La7 a livelli notevolissimi – ha detto Cairo ai giornalisti presenti in conferenza stampa – Stiamo parlando di record da quando la rete esiste, cioè dal 2001, quindi c’è motivo di soddisfazione. La7 è cresciuta di un punto – ha proseguito -, la Rai e Mediaset sono calati. Anni fa, quando si parlava di Tv8 e Nove, qualcuno era preoccupato per noi, però alla fine negli ultimi due anni siamo cresciuti in maniera importante. Quindi le scelte fatte ci hanno premiati e continueremo anche con qualche nuovo innesto da qui all’autunno”.

Massimo Giletti non torna in Rai, ma rimane a La7. “Da migliorare – ha ammesso Cairo – il prime time del sabato. Potremmo fare di più. Ci stiamo ragionando”. Prosegue poi il sodalizio tra La7 e Massimo Giletti, che la domenica sera sarà di nuovo protagonista di Non è L’Arena. “Con lui c’è un rapporto buono – ha sottolineato Cairo -, ha triplicato gli ascolti della domenica, e faremo ragionamenti di lungo periodo”, difendendo il conduttore da chi lo ha accusato di utilizzare toni troppo urlati. “Non è lui che spinge ad un dibattito particolarmente acceso – ha continuato Cairo -, perché anzi lui in molte occasioni butta l’acqua sul fuoco”.

Non teme la nuova Rete4 a tutta informazione: “La concorrenza va accettata e ti stimola a fare meglio. La7 esiste dal 2001 e si è formata tassello dopo tassello. Siamo pronti a fronteggiare ogni tipo di concorrenza – ha sottolineato il patron di La7 – Rete4 è sempre stabilmente dietro di noi in prime time, costruire una rete è una cosa che richiede qualche tempo. Vedremo”.