Quantcast

Un cane va regolarmente a visitare la tomba del suo padrone

senza nome
Un cane va regolarmente a visitare la tomba del suo padrone, un po’ come il famoso Hachiko che per dieci anni andò ad aspettare il suo padrone alla stazione anche dopo la sua morte.  La nuova  storia che testimonia  l’amore del cane verso il suo padrone che non c’è più si svolge in Sardegna, quindi vicino a noi, mentre la storia di Hachiko era ambientata  in Giappone,  e ha come protagonista un  piccolo meticcio color miele, rimasto solo dopo la morte del suo padrone di 60 anni. L’uomo, deceduto per un infarto, aveva anche altri cani, ma tutti  hanno  trovato una  sistemazione, sono stati adottati, tranne questo che tutti chiamano senza nome, perché non sanno quale nome gli avesse dato il suo padrone.

Il giorno del  funerale, senza nome seguì il corteo funebre fino al cimitero, fino al luogo dove il suo padrone era stato sepolto, e da allora, ogni giorno lo torna a trovare.
Si è sistemato in un campo nelle immediate vicinanze del cimitero e ogni qual volta passa una signora, che è poi la madre della guarda giurata che presta servizio di sorveglianza al cimitero, esce dall’erba dove è nascosto e che ora è la sua casa e la segue all’interno del cimitero, ma li la strana coppia si divide e mentre la signora si reca a trovare i suoi cari, senza nome va sulla tomba del suo padrone. Resta un poco con lui e poi torna in quella che è ormai la sua casa, la sua tana.

Lo conoscono tutti e sanno bene dove abita, per cui non gli fanno mancare mai la pappa. Questa vicenda che ha luogo a Tonara nel nuorese, va avanti da alcuni mesi ed è l’ennesima dimostrazione, se mai ce ne fosse stato bisogno,  di quanto un cane possa essere fedele al suo padrone, circostanza che non ha corrispondenza  nel mondo degli umani.