8 Marzo: Karina Cascella dice no alla violenza sulle donne

karina-cascella-FILEminimizer

Nel giorno della festa della donna, l’8 marzo, l’ex opinionista di Uomini e Donne, Karina Cascella, ha scelto di rivolgere il suo pensiero a tutte quelle donne vittime di violenza “Se c’è un argomento che mi sta a cuore e che sento sulla mia pelle, e’ la violenza sulle donne” ha scritto Karina che in passato ha dovuto combattere con un padre violento “Oggi in particolare tutti o quasi, si ricordano dell’importanza di noi donne in questa società.. Se lo ricordano con un fiore, con una dedica, con un messaggino carino”

“Tutto ciò è importante, ma mi piacerebbe che ogni giorno tutti si ricordassero delle donne e soprattutto si ricordassero che le donne non si toccano. Non si sfiorano neanche con un dito. Purtroppo e non vorrei fare polemica, ma devo in un certo senso, viviamo in un paese in cui le istituzioni proteggono poco le donne in difficoltà”

“Se è vero che c’è tanta paura, quando si tratta di denunciare o anche ignoranza da questo punto di vista, e quindi a volte si fanno passi indietro x timore di avere ripercussioni, c’è anche da dire che quando le donne trovano il coraggio di denunciare le violenze, poi si ritrovano davanti ai propri occhi, il loro aguzzino in meno di un giorno. Parlo x esperienza personale. Bisogna fare di più. Di più. Per fare chiarezza nelle menti di uomini malati, che solo davanti alla fragilità di una donna, riescono a sentirsi “uomini” ”

“Bisogna fare chiarezza rispetto al fatto che non possiamo continuare ad ascoltare al telegiornale, di storie di donne uccise o che vivono nel terrore, perché la legge non tutela abbastanza. Basta con la violenza. Basta con l’ignoranza. Coloro che picchiano le donne, che dunque non possono essere definiti uomini, vanno puniti. Puniti affinché imparino davvero cosa vuol dire, ritrovarsi soli e con la paura che non ti abbandona mai”.

valentina