Marco Stabile di nuovo sul trono? Lui spera in una seconda chance

Marco Stabile è stato protagonista dell’edizione di Uomini e Donne di Maria de Filippi nel 2009/2010, dove aveva abbandonato il trono senza scegliere nessuno dopo una serie di scene ad alto tasso erotico fra strusciate e baci infuocati con la corteggiatrice Angelica.

Oggi Marco dice di essere cresciuto e vorrebbe tornare in tv, magari sfruttando nuovamente il programma della De Filippi come trampolino di lancio alla ricerca di una seconda chance. “Mi piacerebbe essere “ripescato” da lei” ammette “Ora sarebbe completamente un’altra esperienza. L’affronterei con uno spirito diverso rispetto alla prima volta. In questi tre anni sono cambiato e maturato” spiega

“Sarei curioso di rimettermi in gioco, a me piacciono le sfide. Un altro reality al quale mi piacerebbe partecipare è L’Isola dei famosi perché i concorrenti devono sostenere molte prove fìsiche, in ambienti difficili, in isole sperdute. E io ii fisico me lo sto facendo”

“Quando dico di essere cambiato mi riferisco al fatto di essere diventato più grande. Ma anche di essere maggiormente consapevole delle cose che faccio. Sono diventato un personal trainer, mi alleno molto in palestra”

“Mi farebbe piacere comunque se la De Filippi mi dovesse chiamare. Non lo escludo, anche perché ho cambiato completamente look. Al programma mi presentai con i capelli molto lunghi. Ora li ho tagliati. Sono un altro uomo” afferma deciso.

Marco infatti ricorda ancora con piacere l’esperienza negli studi di Uomini e Donne “E’ stata una bella esperienza. Anche se non ho potuto scegliere la mia donna perché non sono arrivato fino alla fine. Ero tanto Piccolino, avevo solo 22 anni”

Poi racconta di essere rimasto in contatto con alcune sue ex corteggiatrici “Con Lucia Marranzano, anche se è molto tempo che non la sento e non riusciamo mai a trovarci in giro. E con Marika Fruscio

“Io e Marika ci vediamo spesso. È una cara persona. Ricordo che nel periodo successivo alla partecipazione al programma ebbe un flirt con Pippo Inzaghi”.

Di Valentina Vanzini