Tina Cipollari e Gemma Galgani di Uomini e Donne a confronto

Tina Cipollari e Gemma Galgani di Uomini e Donne a confronto in un’intervista doppia rilasciata al settimanale di cronaca rosa Chi. La vamp del famoso e chiacchieratissimo programma tv pomeridiano di Canale 5, ideato e condotto dalla star tv Maria De Filippi, non ha rinnegato il bruttissimo gesto del gavettone con un secchio d’acqua ghiacciata tirato addosso alla dama del trono over, che ha scatenato un’ondata di indignazione e sconcerto in Rete.

L’ultimo gesto di Tina Cipollari ha scatenato l’ira anche di numerosi fan del programma che si sono scagliati contro la padrona di casa Maria De Filippi, che non fa nulla per cacciarla dalla trasmissione ma addirittura ride e diventa “complice” del bullismo della vamp nei confronti della dama.

D’altronde come immaginavamo la vamp Tina Cipollari non ha chiesto scusa a Gemma e al settimanale di cronaca rosa Chi ha aggiunto: “Gemma è molto più aggressiva di me. Guardi che lei questo gesto dell’acqua l’ha fatto ben prima di me. Che non è la quantità dell’acqua, è il gesto: anni fa lei l’ha versato in faccia a Barbara De Santi. Vede, Gemma, agli inizi, era più pungente e vera. Adesso, invece, per mettere in cattiva luce me, fa finta di essere quella dolce, quella che abbozza. Magari io sono più plateale, ma lei quando c’è confusione, quando non è ripresa, mi dice: ‘Pensa a te, pensa alla tua vita, pensa a mangiare, sei invidiosa di me’. Ora, sommi tutte queste frasi e le moltiplichi per 300 giorni all’anno: il risultato è la secchiata”.
Gemma ha tuonato: “È stata una cosa improvvisa, io non so se ci abbia messo i ghiaccioli dentro, ma era gelata. Il suo atteggiamento nei miei confronti è cambiato con la storia di Giorgio. È risaputo che io, per la paura di vivere un grande amore, ho perso un grande amore. Ho compiuto un gesto plateale, volevo una sua reazione, ma lui non era capace di dire ‘ti amo’, non era il suo modo di essere, così non l’ha detto”.
La vamp ha osservato: “Quando Gemma è arrivata nel programma era una donna semplice, vestita in un certo modo e parlava in un certo modo, diciamo adeguato alla sua età, era tranquilla, interessata a trovare un compagno… Poi, dopo un periodo di frequentazione con Giorgio, ha iniziato a… Si è trasformata: spacchi vertiginosi e niente lingerie. Non portava le mutande, alcuni uomini del parterre lo avevano notato. Poi sfoggiava reggiseni imbottiti: lei non è una donna prosperosa – ha sottolineato -, non è che una ha tanto da mostrare. Ha anche cambiato i capelli, il trucco, ha fatto ricorso alla chirurgia, qualche mini lifting, è evidente che non ha più la stessa espressione di prima. Ma torniamo a Giorgio. Lui si è sempre posto in maniera sincera e coerente, le ha detto: ‘Io non ti amo, sto molto bene con te, la nostra relazione può durare 3 mesi o 30 anni, è un discorso particolare, però, è onesto’. E a Gemma è andato bene fino al famoso 4 settembre, la nostra epifania, di noi tutti, dove lei… Aspetti, prima loro due trascorrono tutte l’estate insieme, appaiono su tutte le copertine di tutti i giornali da fine maggio a fine agosto, e lei dichiara: ‘Giorgio un principe dei nostri tempi’. Poi arriva il 4 settembre e lei lo molla senza preavviso dicendo che è un mostro: dice che Giorgio l’ha presa in giro, l’ha trattata come un cane – ha proseguito Tina -, l’ha messa a cuccia, l’ha fatta dormire sul divano. E io: Ma come, ti sei ingozzata di copertine fino a qui e ora ci vieni a dire che lui non è quello che crediamo: ma se ce l’hai detto tu chi era lui”.
Immediata la replica di Gemma: “Ecco, Tina mi attacca su tutto, ma soprattutto quello che è intollerabile è che lei vuole minare la mia credibilità. Guardi, mi fermano per la strada perché le persone si identificano nelle mie storie, nelle mie sofferenze e nei miei percorsi. Ora l’unica che non mi crede è Tina. E ne lancia una al giorno. Ora si è inventata che vado a spiare i suoi profili, io mi faccio le mie cosette nella mia paginetta. Che per me questa seggiolina rappresenta tutto, tutto quello che ho passato, tutte le emozioni. È vero, sono anni che sto qui, ed è vero e questa seggiolina con quattro zampette è tutta per me: ci sono le mie lacrime, i miei amori, le mie palpitazioni, tachicardia, con Giorgio la mia seggiolina tremava… E allora guai a chi me la tocca. Ma che vuol dire che amo le telecamere? Ma se fosse per le telecamere, con quello che mi fa passare Tina, sarei già scappata. Di lei mi ha dato fastidio che quando io e Giorgio ci eravamo lasciati – ha asserito -, lui aveva iniziato a chiamare Tina ‘passerotto’, e questa cosa qui, sì, mi dava molto fastidio. Perché, vede, passerotto ero io, prima ero io. E quando lui la chiamava così, passerotto, lei cinguettava”.
Tina Cipollari ha ricordato le false indiscrezioni lanciate da Gemma Galgani in merito a un suo flirt clandestino con Giorgio Manetti: “Un’invenzione, come il fatto che io la invidio, lo dice sempre. Ma che cosa dovrei invidiare di lei? Invidio la sua bellezza? È fresca? È giovane? È intelligente? Secondo me non è neanche intelligente, perché quando fa queste magagne la scopri in 5 minuti. Ma io non posso invidiare Gemma! Oppure la invidio perché è una donna che ha realizzato tutti i suoi sogni: ha sposato un bell’uomo, ha una bella famiglia, è realizzata?”.
Redazione-iGossip