Quantcast

Vaccini obbligatori a Milano: 1/3 dei bambini è irregolare

Vaccini obbligatori per i bambini delle scuole, a Milano 1/3 è irregolare. Chi non è vaccinato non potrà entrare in classe. Fino a sabato la presentazione alle scuole dei documenti sulle vaccinazioni è a quota 22.500 certificati su 33mila iscritti (il 68%). Il Comune di Milano sta monitorando l’afflusso della documentazione nei nidi e nelle materne pubbliche.

Vaccino – Foto: Pixabay.com

Chi non consegnerà le carte che comprovano l’effettuazione di 10 vaccini (poliomelite, difterite, tetano, epatite B, pertosse, Haemophilus influenzae B, morbillo, rosolia, parotite e varicella per chi non l’ha già fatta) non potrà entrare a scuola. Lo prevede il decreto della ministra della Salute Beatrice Lorenzin.

La vicesindaca Anna Scavuzzo con delega all’Educazione ha asserito: «Le famiglie che hanno già presentato i certificati possono dare una mano a chi non l’ha ancora fatto. Anche il passaparola è fondamentale in questi giorni».

Da ricordare che chi è in regola con le punture può consegnare anche l’autocertificazione scaricabile dal sito www.ats-milano.it; mentre chi deve eseguire i vaccini può prendere appuntamento telefonando al numero verde 800.638.638 (da rete fissa) e 02.999.599 (da rete mobile), abilitato a tracciare e trasmettere alle Ats (ex Asl) le chiamate dei genitori. Gallera ha poi chiarito: «Per l’iscrizione dei bambini a scuola vale il “riscontro positivo della telefonata”. Gli operatori del call center registreranno nome, cognome e codice fiscale del minore che si intende vaccinare». Scavuzzo ha concluso: «L’obiettivo è arrivare al 100% delle famiglie».