Quantcast

Vibo Valentia sotto shock, prete arrestato per prostituzione minorile

Vibo Valentia sotto shock! L’ennesimo scandalo di sesso e prostituzione minorile scuote il Vaticano. Il prete don Felice La Rosa di 35 anni è finito in manette, insieme con altre due persone, con l’accusa di prostituzione minorile e corruzione di minore. Gli investigatori della Squadra Mobile di Vibo Valentia hanno definito sconcertanti i contenuti delle telefonate dell’ex parroco di Zugri, rimosso dal suo incarico e trasferito a Mileto alla fine del 2015. In tutti questi mesi gli inquirenti lo hanno ascoltato mentre si lasciava andare a considerazioni volgari e spinte, commentando le dimensioni del pene e le prestazioni dei suoi giovanissimi amanti.

Prete - Foto: Pixabay.com
Prete – Foto: Pixabay.com

L’inchiesta denominata Settimo cerchio, eseguita con il coordinamento della Procura della Repubblica di Catanzaro, competente per il reato di prostituzione minorile, e nello specifico del Procuratore capo, Nicola Gratteri, del Procuratore aggiunto, Vincenzo Luberto e del sostituto Procuratore Debora Rizza, è partita dall’omicidio di Francesco Fiorillo, avvenuto nel dicembre 2015 a Vibo Valentia. Oltre al prete sono stati arrestati un cittadino bulgaro, M.I., e un pensionato, F.A.P, di Briatico.

Secondo gli inquirenti, il cittadino bulgaro reclutava minori stranieri e bisognosi, proponendoli per prestazioni sessuali a pagamento. Il parroco e il pensionato avrebbero pagato circa 50 euro per la prestazione: 30 sarebbero andate al minore e 20 al bulgaro.

Un altro caso davvero abominevole e deplorevole che sta scioccando l’opinione pubblica nazionale!