Quantcast

Wycon Cosmetics sceglie un volto maschile per la linea di make-up no gender

Wycon Cosmetics sceglie un uomo come testimonial di make-up, confermando ancora una volta il carattere innovativo e all’avanguardia della maison. Si tratta dell’ennesima strategia di marketing o della volontà di rompere gli stereotipi?

Emil Andersson testimonial per Wyacon Cosmetics- foto corriere.it

La nuova campagna di cosmetici “Beauty has no gender” lancia sul mercato Androgyny, una linea di prodotti cosmetici che promette di mostrare al mondo chi si è realmente, senza preconcetti.

I capelli lunghi e i lineamenti sottili di Emil Andersson raccontano i tratti ibridi di un fascino androgino esaltati da un make-up delicato, un modo per abbracciare quello che la realtà quotidiana ci rimanda. Nessun stereotipo e la possibilità di sentirsi belli a prescindere da sesso o età. È questo quello che racconta la campagna pubblicitaria di Androgyny.

Fabio Formisano, Head of Marketing & Communication ha poi spiegato: “Non dobbiamo considerare la campagna come una mossa scandalistica per attirare i riflettori. Il mood e la storia che vogliamo raccontare sono un elemento di rottura, per l’approccio e il tema nel settore della cosmetica. Il nostro è un messaggio di libertà in grado di andare oltre gli stereotipi”.

Lo slogan “Show the world who you are!” (Mostra al mondo chi sei!) abbozza i tratti di un brand 100% made in Italy non nuovo a campagne forti e con progetti charity. Chi non ricorda la campagna contro la violenza sulle donne o il supporto della ricerca contro il tumore al seno?

Probabilmente la campagna pubblicitaria cede il passo a un nuovo flusso che sta rompendo gli schemi della consuetudine e dei luoghi comuni. Finalmente!

Wycon Cosmetics: concept e mission

La storia della Wycon Cosmetics è alquanto recente se si pensa che nel 2009 la maison fa in suo ingresso trionfale nel mondo della cosmesi con un’idea semplice e geniale: prodotti made in Italy di make-up, skin care e body care a un prezzo accessibile.

Lo storico imprenditore della cosmetica femminile Gianfranco Satta e la product manager ed esperta del mondo make-up e body care Raffaella Pagano hanno fatto molta strada dalla loro intuizione. Wycon Cosmetics conta più di 170 negozi monomarca in Italia e si sta impegnando con l’apertura di molti punti vendita a Mosca (Russia) e Almaty (Kazakistan).

Sin dagli esordi, la maison ha finanziato le onlus attive per le donne meno fortunate. Si tratta di una risposta obbligata per ringraziare le migliaia di consumatrici che continuano a scegliere il brand. Come? Affrontando temi sensibili come l’anoressia, la violenza sulle donne e molti altri per realizzare un appoggio reale e concreto.

E l’ultima campagna “Show the world who you are!” dedicata alla bellezza senza preconcetti promette di concitare gli animi, considerando la sua presenza social molto forte