Il Bud Spencer Museum verrà inaugurato a Berlino il 27 giugno 2021

La famiglia Pedersoli onora l’attore partenopeo anche all’estero grazie all’apertura del Bud Spencer Museum a Berlino il 27 giugno 2021.

Bud Spencer- foto instagram.com

Il Bud Spencer Museum di Berlino avrebbe dovuto aprire i battenti nell’estate 2020, ma il tutto è stato rimandato. Tuttavia ora c’è una data ufficiale: il  27 giugno 2021.

A cinque anni dalla scomparsa di Carlo Pedersoli, alias Bud Spencer, lo storico edificio Römischer Hof ospiterà il Bud Spencer Museum dal 27 giugno 2021 fino al 30 giugno 2022.

Si tratta di un’iniziativa che riprende a grandi linee la mostra in onore dell’indimenticabile attore  inaugurata al Palazzo Reale di Napoli nel 2019.

Il Bud Spencer Museum si estenderà per 500 mq e ripercorrerà la carriera cinematografica, l’impegno sportivo e la passione per la musica attraverso scatti, cimeli, costumi di scena, locandine e ricordi vari.

Nello spazio espositivo troveranno spazio anche alcuni oggetti di scena iconici come la Dune Buggy rossa e gialla e la Ford Escort MK1 di … Altrimenti ci arrabbiamo!, il camioncino dei gelati il flipper di Pari e dispari.

La mostra includerà anche i successi della carriera da nuotatore di Carlo Pedersoli tra trofei, medaglie e foto.

I fan di Bud Spencer potranno assistere a documentari, scene tagliate e materiale inedito all’interno del Bud’s Cine-Lounge.

Insomma la mostra berlinese sarà una rielaborazione dell’edizione parteneopea con spettacoli inediti e ospiti internazionali.

Perché Berlino? Giuseppe Pedersoli, figlio dell’attore, ha dichiarato: “Berlino era come una seconda casa per lui e qui aveva ottimi amici come i distributori della Tobis Film o il produttore Horst Wendlandt della Rialto Film”.

A proposito dell’iniziativa, invece, il direttore del museo Matteo Luschi ha affermato: “Bud Spencer ha realizzato qualcosa di straordinario per il cinema europeo ed è questo che vogliamo raccontare e sottolineare con la mostra. Siamo molto grati alla famiglia Pedersoli e a tutti i nostri sostenitori per averci permesso di rendere omaggio anche a Berlino al grande personaggio cult”.