Giffoni Film Festival si farà e si dividerà in quattro

Il Giffoni Film Festival è la prima rassegna cinematografica a ripartire con incontri “fisici”, rigorosamente organizzati con ingressi contingentati e protocolli di sicurezza.

Giffoni 2020- foto gwendalina.tv

Il creatore e direttore del Giffoni Film Festival, Claudio Gubitosi, ha rivelato i dettagli sulla 50 esima edizione del festival dedicato ai giovani.

Il festival si dividerà in quattro parti per assicurare lo svolgimento della rassegna nel pieno rispetto del protocolli di sicurezza e nella tutela della salute dei partecipanti.

La prima parte sarà dedicata ai ragazzi dai 16 ai 18 anni dal 18 al 22 agosto e vedrà la partecipazione con 305 giurati proprio a Giffoni e 1300 nei vari hub sia italiani che internazionali.

La seconda parte sarà dedicata ai ragazzi dai 13 anni in su dal 25 al 29 agosto e coinvolgerà 305 giurati a Giffoni e 1100 nei vari hub esterni.

La terza parte sarà riservata a Università, hub europei, masterclass, progetti e celebrazioni per il cinquantennale e si terrà tra settembre e novembre.

La quarta parte sarà dedicata ai bambini dai 6 ai 10 anni dal 26 al 30 dicembre e vanterà la presenza di1500 bambini e bambine divisi nelle giornate del festival.

La divisione è stata essenziale per ripartire. “Volevo dare un segno forte di esistenza e resistenza anche alla mia regione, all’Italia, al mondo del cinema, dell’arte e della cultura – ha spiegato il fondatore – Una forte botta di fiducia contro una depressione che ci fa paura”.

Per il momento a partecipare al  Giffoni Film Festival, tra gli altri, saranno Sergio Castellitto, Raoul Bova, Giampiero De Concilio, Lorenzo Zurzolo, Francesco Serpico, Benedetta Porcaroli e Valentina Bellè.

Il festival potrà vantare anche cinque masterclass con ospiti internazionali: “Non posso ancora fare nomi – ha detto Gubitosi –  ma ci sono contatti in corso e presto vi diremo tutto, anche i titoli delle grandi anteprime che avremo”.

Myriam