Mission: Impossible, Brian De Palma ha rifiutato la regia dei sequel

Il regista Brian De Palma ha criticato aspramente i sequel di Mission: Impossible con protagonista l’attore Tom Cruise.

Mission: Impossible- foto aancos.com

Brian De Palma ha dato il suo personale contributo nel primo capitolo del film d’azione ispirato alla serie tv di Bruce Geller uscito nel 1996.

Il successo da 457 milioni al botteghino mondiale ha permesso di creare un franchise giunto ormai al suo ottavo capitolo con Tom Cruise nei panni di Ethan Hunt. Per Brian De Palma, invece, un film di Mission: Impossible era abbastanza.

Il regista di Carrie e Scarface ha spiegato le sue ragioni che lo hanno spinto a rifiutare la regia dei sequel di Mission: Impossible durante un’intervista con Associated Press per la promozione del suo romanzo Are Snakes Necessary?.

“Sono storie che continuano a fare di continuo per questioni puramente economiche. Dopo che ho realizzato Mission: Impossible, Tom mi ha chiesto di iniziare a lavorare al prossimo capitolo. Ho detto ‘Stai scherzando? Uno di questi è abbastanza. Perché qualcuno vorrebbe realizzarne un altro?’”.

“La motivazione era chiaramente di tipo economico – ha continuato il regista – Non sono mai stato un regista che ha lo scopo di guadagnare, questa cosa penso sia il principale problema di Hollywood e della sua corruzione”.

La posizione di Brian De Palma, però, non ha impedito di continuare con il franchise action con  Mission: Impossible 7 in uscita il 23 luglio 2021 e Mission: Impossible 8 previsto per il 5 agosto 2022.

Myriam