Un sogno chiamato Florida, il film rivelazione diretto da Sean Baker

Un sogno chiamato Florida è il film diretto da Sean Baker che è valso a Willem Dafoe la candidatura all’Oscar come miglior attore non protagonista e la nomination ai Golden Globe, ai BAFTA e agli Screen Actors Awards.

Un sogno chiamato Florida- foto ciakclub.it

Il film in uscita nelle sale italiane il 22 marzo ha collezionato riconoscimenti a pioggia: premio Miglior giovane attrice ai Critics’ Choice per la piccola Brooklynn Prince nonché 1° posto nella classifica di Indiewire delle migliori performance femminili del 2017 di fianco a nomi del calibro di Meryl Streep, Frances McDormand, Sally Hawkins, Saoirse Ronan e Kristen Stewart.

La pellicola Un sogno chiamato Florida racconta la storia di una bambina vivace e del suo gruppo di amici che vivono in un motel trasformato in alloggio popolare a poca distanza da Disneyworld, un mondo fantastico così tanto vicino eppure così distante.

Il gruppo di amici trascorre il tempo imbarcandosi in avventure che prendono vita da ogni sfaccettatura di un mondo fatto di stenti, povertà e momenti al limite della legalità.

Bobby, il manager del Magic Castel Hotel, sembra l’unico a provare a tenere insieme le cose di un mondo diviso tra il regno incantato di spettacoli, divertimento e lusso e la realtà povera e fatta di stenti in cui vivono i bambini.

La commedia indie sottopone le note agrodolci del trio di bambini e il mondo con-diviso degli adulti non troppo adulti allo sguardo consapevole del pubblico.

Un sogno chiamato Florida si prospetta una pellicola commovente capace di toccare le corde dell’anima, un’opera di fronte alla quale è impossibile rimanere indifferenti poiché, nonostante tutto, il nuovo lavoro di Baker è un inno alla speranza.