Come truccarsi a 40 anni senza commettere errori

Il trucco aiuta a minimizzare i difetti e a far risplendere la bellezza del viso, ma deve essere gestito bene. Scopriamo come truccarsi a 40 anni!

Makeup sobrio – foto pixabay.com

Da ragazzine il make-up è un modo per giocare e scoprire la sensualità, ma col passare del tempo diventa un vero alleato di bellezza.

Anno dopo anno, infatti, il trucco viene utilizzato per nascondere i difetti, valorizzare i punti di forza e sentirsi belle e impeccabili in qualsiasi situazione.

Arrivare alla soglia degli “anta” rappresenta un rito di passaggio: non si è troppo giovani da truccarsi senza farsi domande e non si è troppo mature da sapere come truccarsi dopo i 50 anni.

Tutto quello che bisogna fare è tenere ben a mente alcune regole d’oro per riuscire a truccarsi a 40 anni senza scivolare nell’errore o peggio nell’eccesso.

Come truccarsi a 40 anni

I 40 anni portano con loro nuove consapevolezze e nuove prospettive che si traducono anche in un make-up decisamente più sobrio.

Certo la differenza tra il make-up giorno e il trucco sera vale sempre anche per le donne di 40 anni, ma il tocco deciso deve restare sempre entro certi limiti.

Non ci resta che scoprire qualche consiglio di make-up e sapere come truccarsi a 40 anni senza sbagliare o strafare.

Skincare

La routine di skincare è fondamentale per mantenere la pelle idratata, compatta e morbida, specialmente perché questo permette di realizzare una base trucco più leggera e dire addio all’effetto maschera.

Sì alla detersione e all’idratazione profonda con una crema nutriente (meglio se con filtro solare) e balsamo antietà.

Base trucco

Dopo aver strizzato l’occhio al benessere della pelle arriva il momento di creare la base trucco, il primo passo verso un make-up sobrio.

Tutto quello che bisogna fare è applicare un fondotinta liquido adatto al tipo di pelle e al sottotono dell’incarnato utilizzando una spugnetta leggermente inumidita.

È possibile valorizzare il viso applicando la tecnica contouring usando l’illuminante e la terra in modo da cancellare qualche anno. Tutto senza marcare troppo.

Trucco occhi

Il make-up occhi deve seguire la filosofia “less is more”, evitando colori troppo vivaci e prodotti troppo scintillanti (es. ombretti glitterati e ombretti satinati).

Per ottenere un trucco cocchi sobrio ed elegante è meglio puntare su una matita marrone per non calcare l’aspetto stanco degli occhi, ombretti opachi per non esagerare con i colori e mascara per aprire lo sguardo.

Se proprio non si riesce a far a meno delle ciglia finte per avere uno sguardo da cerbiatta allora sarebbe meglio optare per ciglia dall’aspetto naturale e non creare un effetto carico.

Sopracciglia

Le sopracciglia incorniciano lo sguardo e ridefiniscono le proporzioni del viso, anche quando si raggiungono i 40 anni.

In questo caso sarebbe meglio evitare di accentuare la forma delle sopracciglia (non troppo sottili, non troppo spesse e non troppo delineate) e puntare tutto sull’effetto naturale.

Per ottenere delle sopracciglia perfette è sufficiente applicare un mascara per sopracciglia o lavorare con una matita apposita con l’obiettivo di ottenere delle sopracciglia curate e naturali.

Make-up labbra

Anche il trucco labbra deve adeguarsi alla sobrietà del resto del make-up, optando per texture liquide o cremose in grado di creare un effetto fresco e raffinato.

È possibile scegliere anche un rossetto mat ma, essendo difficile da applicare, si può utilizzare soltanto se si ha una certa dimestichezza.

A 40 anni sarebbe meglio curare le labbra, applicando un siero anti-age e un burrocacao per mantenerle idratate e morbide.

In linea di massima sarebbe meglio definire le labbra con una matita in pendant con il rossetto e optare per rossetti dai colori naturali, meglio se scelti in tenendo in considerazione il resto del trucco.

Fard e blush

Le donne di 40 anni non dovrebbero rinunciare a un tocco di fard per il giorno e di blush per la sera in modo da scaldare le guance e completare il look.

Il segreto è usare un pennello da cipria al posto di un pennello da fard perché in questo modo si riesce a creare un incarnato omogeneo.