Melania Trump: quando la classe incontra lo stile

L’ex first lady ed ex modella slovena Melania Trump è la diva dalla bellezza e dallo stile senza tempo. La classe non è acqua. Melania Trump, all’anagrafe Melania Knauss, classe 1970 germanizzata Melania Knauss coniugata Trump e naturalizzata statunitense ex modella slovena non ne ha solo da vendere, ma anche da regalare.

Melania Trump – Foto: Facebook

Intraprende la carriera di modella all’età di 16 anni, firmando un prezioso contratto per una nota agenzia di moda di Milano, entrando così nel patinato mondo del fashion & luxury dividendosi fra il capoluogo meneghino e Parigi, per poi trasferirsi definitivamente a New York nel 1996 dove sfila e posa per i più noti brand del fashion, lavorando con fotografi del calibro di Patrick Demarchelier, Helmut Newton
e Mario Testino.

Melania Trump – Foto: Instagram

Appare inoltre sulle copertine di Vogue, Harper’s Bazaar, Ocean Drive, In Style, New York Magazine, Avenue, Allure, Vanity Fair, Self, Glamour, GQ, Elle, FHM, Max e sul noto Sports Illustrated nel 2000. Associata in qualità di modella alla Trump Model Management incontra Donald Trump alla settimana della moda nel 1998. La loro relazione diventa di dominio pubblico nel 1999 e appare definitivamente con Trump nel 2000 durante la sua campagna elettorale in favore del reform party presidenziale.

Melania con il marito Donald Trump – Foto: Facebook

Il passato da modella e reginetta di bellezza le hanno da sempre conferito grazia ed eleganza in ogni sua apparizione pubblica al fianco del marito. Amante del colore (famosa la sua apparizione con la tanto chiacchierata “Pussy Bow” color ciclamino griffata Gucci del valore di 1.100 dollari), molti definisco Melania rigida e statica, ma del resto le apparizioni presidenziali richiedono da sempre il giusto look ed i corretti abbinamenti in termini di accessori e soprattutto colori.

Donald Trump con la moglie Melania – Foto: Instagram

La moda insegna che ogni occasione richiede il corretto abbinamento, ma il pettegolezzo è sempre in agguato tanto che i sostenitori anti-Trump la vedevano come una principessa in prigione il cui scopo, rivoluzione e richiamo d’attenzione era visibile esclusivamente dal linguaggio dei vestiti. Certo è sicuramente lontana e diversa da Michelle Obama, la quale utilizza davvero gli abiti per lanciare messaggi politici mescolando il lusso al gusto easy chic e promuove talenti e designer sconosciuti a tutela e appoggio delle cause soprattutto sociali del marito Barack.

Melania Trump sorridente – Foto: Facebook

Amante dei vertiginosi tacchi Christian Louboutin, del bianco candido e del ricamo firmato Dior e del broccato Dolce e Gabbana i suoi mix e abbinamenti non hanno deluso i fan accaniti della moda rendendo giustizia a un settore che da anni celebra la bellezza del corpo femminile caratteristica tipica soprattutto degli anni ’90. Del resto si sa un abito non è mai solo un abito. Un connubio che conosceva perfettamente Jackie Kennedy e lo sa bene Melania Trump, intrigante, iperfemminile e con la straordinaria capacità di trasformare un look casual dal sapore moderno in un momento di grande stile sia che indossi una meravigliosa sprakling griffata chanel a un cappotto Burberry, il suo guardaroba, anzi Cabina Armadio, racconta storie di colori, tessuti e design di una donna con la straordinaria capacità di trovare il giusto equilibrio fra sexy ed elegante, quell’eleganza senza tempo che non tramonterà mai.

Melania Trump con un bambino – Foto: Facebook