Met, sincronicità e diacronia in 120 capi dal 7 maggio a NY

Met 2020 all’insegna della sincronicità e della diacronia in 120 capi dal 7 maggio a NY. La mostra About Time è stata presentata a Parigi in occasione della settimana della moda.

“La moda ci insegna a raccontare diversamente il tempo. Ci mostra che il tempo è più di quel che puoi contare sulle dita di una mano o sulle lancette dell’orologio”, ha detto il curatore Andrew Bolton illustrando la filosofia della rassegna davanti all’enorme orologio del Musée d’Orsay, al suo fianco Nicholas Guesquiere di Louis Vuitton, il direttore del Met, Max Hollein e Anna Wintour.

La mostra aprirà il 7 maggio in coincidenza con le celebrazioni per i 150 anni del museo sulla Quinta Strada: un anniversario che ha offerto lo spunto per una riflessione sulla natura della longevità nella moda – arte la cui natura effimera fa si’ che sia un barometro culturale eccezionalmente sensibile – vista attraverso le ricche collezioni del Met.

La mostra sarà essa stessa un orologio, costruito da due set di 60 capi articolati lungo un arco temporale dal 1870 a oggi.

L’orologio avrà due funzioni: raccontare il tempo in senso lineare, ma fare anche da cronometro per un viaggio nel tempo che consentirà ai visitatori di fare salti in avanti e all’indietro quando i ‘ritorni di moda nella moda’ lo permetteranno. Appuntamento dunque al Met il 7 maggio per la mostra e il 4 per il gala che la precede: con Anna Wintour e Ghesquiere, madrine e padrini del red carpet dell’anno saranno Lin-Manuel Miranda, Meryl Streep ed Emma Stone.

Redazione-iGossip