Il Festival di Berlino 2020 profuma d’Italia

La 70 esima edizione del Festival di Berlino inizierà il 20 febbraio e il programma promette moltissimo cinema italiano.

Festival di Berlino – foto vagantes.eu

Dall’omaggio a J. D. Salinger all’Orso alla carriera a Helen Mirren, infatti, la Berlinale 2020 vanterà anche diversi momenti “tricolore” a partire dai film in concorso.

Dei 18 titoli in concorso, infatti, 3 titoli sono italiani: Volevo nascondermi di Giorgio Diritti, Favolacce di Damiano e Cosimo D’Innocenzo e Siberia di Abel Ferrara.

Volevo nascondermi vede Elio Germano nei panni del “pittore che si credeva una tigre pittore” Ligabue, Favolacce racconta un viaggio nei ricordi e nei sogni alla ricerca del vero io mentre Favolacce fa un ritratto crudele e veritiero della realtà.

Il Bel Paese sarà presente al Festival di Berlino 2020 con altri due film presentati in sezioni diverse: Semina il vento di Danilo Caputo nella sezione Panorama e Faith di Valentina Pedicini nella Settimana della critica.

Da un lato Semina il vento racconta una storia di ricca di conflitti nello scenario tarantino mentre dall’altro lato Faith mostra un viaggio emotivo verso la fede e la devozione.

A questi si aggiungono Pinocchio di Matteo Garrone nella sezione Special Gala, Palazzo di giustizia di Chiara Bellosi e Progresso Renaissance di Marta Anatra in Generation 14plus, La casa dell’amore di Luca Ferri e Zeus Machine – L’invincibile di Nadia Ranocchi e David Zamagni al Forum e Sole di Carlo Sironi nella sezione celebrativa On Transmission.

Myriam