Spider-Man: Tom Holland accenna a una serie tv e a un cambio di sessualità

Quando si tratta del futuro di Spider-Man non c’è fonte migliore di Tom Holland, il volto del supereroe mascherato dell’Universo Marvel.

Tom Holland- foto napojsa.sk

La mancata chiusura dell’accordo tra Marvel e Sony potrebbe rendere incerto il futuro del personaggio, anche se sono stati programmati altri due film per Spider-Man.

A dare qualche informazione in più è stato lo stesso attore tramite un video con GQ in cui risponde alle domande di alcuni fan.

Tom Holland ha aperto alla possibilità di un progetto televisivo incentrato su Spider-Man, rispondendo alla domanda di un fan: “Potresti non dover aspettare tanto”.

L’attore ha accennato a un possibile cambio di sessualità del personaggio in futuro: “Penso sarebbe un modo progressista per reinterpretare un personaggio, quindi sì, penso e spero che si possa vedere anche uno Spider-Man omosessuale e spero di poter far parte di questa eventuale rappresentazione”.

Per lui, però, il successo del suo personaggio è dovuto al periodo di vita raccontato: “Il mio Spider-Man è forse più interessante dei precedenti perché viene esplorato nel momento cruciale della sua crescita, l’adolescenza. Il percorso diventa così più ampio, se fosse stato presentato subito come un eroe formato credo ci sarebbero subentrate delle limitazioni sulle storie da raccontare”.

A proposito della rottura tra le major, poi, il volto di Peter Parker si è limitato a dichiarare: “Non mi vergogno a dire di quanti siano stati fantastici gli ultimi cinque anni nell’universo Marvel. Ho realizzato un sogno, sia come persona che come attore”.

”La stessa Sony è stata fantastica nei miei confronti, il successo di Spider-Man: Far From Home è la testimonianza del loro supporto, della loro capacità e del loro impegno. Il futuro di Spidey è tutto nelle mani della Sony, non posso far altro che essere grato per le amicizie fatte nel corso di questo percorso”.

Myriam