Paola Ferrari “Non sono rifatta”

20120705_paola-ferrrari-twitter

Paola Ferrari si difende dall’accusa di essere tutta rifatta e racconta l’amore per il ricchissimo marito “Se sono felicemente sposata lo devo ad Alba Parietti” ha raccontato “E’ una mia cara amica da oltre trent’anni ed è proprio grazie a lei che ho conosciuto mio marito. E’ successo nel 1996: una sera, Alba è venuta a casa mia e mi ha pregato di accompagnarla a una cena con alcuni suoi amici e amici di amici. Io ero stanca, non avevo nemmeno voglia di uscire, ma lei ha insistito così che tanto che alla fine ho detto di sì. Ed è stato a quella cena che ho conosciuto Marco”.

“Ha iniziato a cercarmi” ha raccontato Paola Ferrari parlando del marito “ma io per parecchie settimane l’ho evitato, perché l’idea di frequentare un uomo così potente e così diverso da me mi spaventava. Alla fine, però, ho ceduto alla sua corte e mi è bastato conoscerlo meglio per capire che i miei timori erano infondati. Così ci siamo messi insieme e abbiamo deciso subito di sposarci e avere dei figli. Certo, come tutte le coppie, anche noi abbiamo avuto momenti difficili, ma dopo diciassette anni siamo ancora più uniti”.

“Se sono una moglie felice lo devo soprattutto al lavoro. Pur avendo sposato un uomo molto ricco, infatti, ho scelto di continuare a fare la giornalista e la conduttrice e questo mi ha permesso di essere una donna attiva e indipendente. Ho anche passato momenti duri, ho voluto superare parecchi pregiudizi per dimostrare che anche una donna può parlare di calcio in modo competente”.