5 consigli per applicare il correttore al meglio

Il correttore è diventato il migliore amico delle make-up addicted perché nasconde le imperfezioni della pelle. Ma sappiamo come applicare il correttore al meglio?

Trucco-foto pixabay.com

Molte make-up addicted possono rinunciare a mascara, rossetto e matita occhi, ma quasi mai dicono di no al correttore.

Questo cosmetico permette di coprire le imperfezioni della pelle come occhiaie, brufoli e macchie, creando una base viso liscia e omogenea.

Il problema è che sapere come scegliere il correttore giusto non basta per poter dire di aver fatto tutto il possibile per ottenere un incarnato perfetto.

La maggior parte delle volte, infatti, uno strumento sbagliato o una quantità eccessiva di correttore possono far scivolare in qualche errore di make-up.

Come applicare il correttore al meglio

La funzione del correttore è minimizzare le imperfezioni per rendere l’incarnato omogeneo, ma affinché funzioni ha bisogno di essere applicato bene.

Non ci resta che scoprire come applicare il correttore alla perfezione e ottenere un risultato di make-up impeccabile.

Colore

Non esiste un correttore magico in grado di nascondere qualsiasi tipo di imperfezione su qualunque incarnato per tutte le parti del viso.

Il colore del correttore sfrutta la complementarità dei colori per rispettare ogni esigenza: giallo per le discromie, arancio per le occhiaie, pesca per le occhiaie che tendono al blu e verde per il rossore.

Applicazione

Il segreto per coprire le imperfezioni è l’applicazione del correttore. Certo va picchiettato con una spugnetta, un pennello o le dieta, ma bisogna conoscere con quale forma procedere.

In questo senso sarebbe meglio applicare il correttore a triangolo sul contorno occhi e sulle altre parti del viso. Dopodiché occorre sfumare il prodotto.

Sfumare

Per applicare il correttore al meglio occorre non esagerare con la quantità e sfumare verso l’esterno con movimenti circolari e delicati.

A tal proposito è preferibile utilizzare il pennellino sui brufoletti per evitare ricettacoli di batteri e sfruttare una spugnetta o le mani per tutte le altre imperfezioni.

Fissaggio

Il correttore può e deve essere fissato con il cosmetico fissante per eccellenza, vale a dire la cipria (meglio se trasparente). È possibile fare a meno di questo passaggio soltanto con la cipria in polvere.

Creatività

A qualcuna sembrerà strano, ma il correttore non serve soltanto a camuffare le occhiaie e altre piccole imperfezioni della pelle. Ha altri usi creativi.

Può essere usato per illuminare alcune parti del viso (meglio se di un paio di toni più chiari), scolpire il volto (tonalità più scura), perfezionare la linea di matita occhi o eyeliner e delineare l’arco sopracciliare o l’arco di Cupido. In più è perfetto per definire il rossetto.

Myriam